Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Quella volta che Rosa Balistreri fu esclusa dal Festival di Sanremo

Troppo scomoda per gli organizzatori. Le sue denunce facevano paura: "sono pericolosa per il sistema"

Franco Cascio

TROPPO SCOMODA PER GLI ORGANIZZATORI. LE SUE DENUNCE FACEVANO PAURA: "SONO PERICOLOSA PER IL SISTEMA"
di Franco Cascio

Il brano non era inedito. Questa la motivazione ufficiale che portò all’esclusione di Terra ca nun senti? dal ventitreesimo Festival di Sanremo del 1973.
Rosa Balistreri, la straordinaria Rosa Balistreri, la pensava diversamente e secondo lei i motivi della sua esclusione erano ben altri. Politici. «Sono una rossa - diceva - un tipo pericoloso per il sistema, temevano che ne combinassi qualcuna delle mie, che dicessi davanti a 30 milioni di telespettatori qualche frase scottante, cioè vera».
Fu la Fonit Cetra a volere Rosa a Sanremo con un pezzo bellissimo, struggente, intenso. Ma gli organizzatori sapevano chi era Rosa Balistreri. Rosa non la mandava a dire. La sua storia, per chi la conosce, è fatta di impegno politico, soprattutto accanto ai più deboli. E nelle sue canzoni non risparmiava nessuno. Come in Mafia e parrini, per citarne solo una. «Adesso ho deciso di gridare le mie proteste, le mie accuse, il dolore della mia terra, dei poveri che la abitano, di quelli che l’abbandonano, dei compagni operai, dei braccianti, dei disoccupati, delle donne siciliane che vivono come bestie. Era questo il mio scopo quando ho accettato di cantare a Sanremo».

Fu un Festival strano quello del 1973. La Rai, ad esempio, per motivi rimasti ignoti, non trasmise le prime due serate. Oltre all’esclusione di Rosa, si registrò il ritiro della canzone di Adriano Celentano, L’unica chance. Il “molleggiato” mandò agli organizzatori un certificato medico per “gastrite festivaliera”.
Rosa sì, era una rossa. E faceva politica. Il coraggio di Rosa Balistreri, in un’epoca in cui opporsi al sistema era tutt’altro che facile, dovrebbe essere preso ad esempio dai tanti “artisti impegnati” di oggi. «A Sanremo, i cantanti vanno per vendere più dischi e fare più soldi, io sono venuta qui per fare politica, per protestare cantando. Si può fare politica e protestare in mille modi, io canto. Ma non sono una cantante … sono un’attivista che fa comizi con la chitarra».
La preoccupazione dei suoi - come li definì lei stessa - “nemici politici” era che Rosa, donna e artista libera, potesse dire qualcosa di sconveniente andando contro quel sistema consolidato che lei tanto avversava. «Hanno visto giusto … non so se sarei stata capace di cantare davanti a quella gente elegantissima, reazionaria, travestita con abiti da carnevale».
Perché Rosa, se avesse avuto la possibilità di partecipare alla competizione, avrebbe cantato e poi avrebbe detto: «Conosco il mondo e le sue ingiustizie … E sono certa che prima o poi anche i poveri, gli indifesi, gli onesti avranno un po’ di pace terrena». Non glielo permisero. E in quel Festival trionfò Peppino Di Capri con Un grande amore e niente più.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews