Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Quale Aida

Da domani al teatro biondo il nuovo spettacolo di roberta torre ed ernesto tomasini per la prima produzione della nuova gestione alajmo-dante

Gabriele Bonafede

DA DOMANI AL TEATRO BIONDO IL NUOVO SPETTACOLO DI ROBERTA TORRE ED ERNESTO TOMASINI PER LA PRIMA PRODUZIONE DELLA NUOVA GESTIONE ALAJMO-DANTE

 

di Gabriele Bonafede

È quello che ci chiediamo, che si chiede il pubblico, che si chiedono gli addetti ai lavori, gli appassionati, gli abbonati, gli amici del teatro Biondo. Quale Aida sarà da domani sera quella ideata e realizzata in scena da Roberta Torre? Presentato oggi alla stampa in una conferenza amabilmente organizzata a mo’ di salotto tra amici, in una delle sale nello storico palazzo di Via Roma a Palermo, lo spettacolo si annuncia pieno di sorprese.

[caption id="attachment_86140" align="alignright" width="291"] Roberta Torre[/caption]

E non poteva essere diversamente quando un’opera, una pièce, un film, un semplice studio teatrale, è ideato e realizzato dalla regista Roberta Torre, milanese (e tornata a Milano da alcuni mesi), ma palermitana d’adozione nella vita biologica e anagrafica come in quella culturale e artistica. La Torre ci ha abituati ad essere sorpresi e spiazzati in qualsiasi tema affrontato.

Si è detto anche un’“Aida-queer”, dove l’Aida non è una donna, ma un uomo, e un altro uomo ama, così come la rivale è anche lei un uomo.  Vero, in qualche modo: i protagonisti sono “la star della scena alternativa” Ernesto Tomasini (Aida), Massimo Vinti (Amneris) e Rocco Castrocielo (Radames). Ma la stessa Torre non accetta questa definizione: “cosa è ‘queer’ in realtà?”. “Ormai si dice queer ciò che si vorrebbe dire gay”, fa sponda lo stesso Tomasini.

[caption id="attachment_86138" align="alignleft" width="400"] Ernesto Tomasini è Aida. Foto di Paolo Galletta.[/caption]

Si può dire un “miscuglio” di spettacoli, ma forse anche questa definizione non è esatta o completa. Così come non si tratta nemmeno un’“Aida-operistica”, nel senso che è sì ispirata all’Aida di Verdi, ma non ne contiene nemmeno le musiche, se non in maniera marginale. “E per giunta non quelle dell’Aida, ma della Traviata”, precisa l’autore delle musiche composte ad hoc, Massimiliano Pace.

Possiamo dunque continuare a dire “quale Aida non è”. Così com’è successo proprio nella conferenza stampa: non è l’Aida di Verdi, “ma ne è semmai un’ispirazione nella psicologia e nei personaggi”, afferma Roberta Torre. Non appare un’Aida che esalta l’eroismo del guerriero in senso stretto, o che si autocelebra in un trionfo di maniera operistica, o che tenta di mettere in scena libretto e musica di Verdi “in chiave moderna”, come si potrebbe, stancamente, affermare. Non sarà solo un musical, come non sarà solo una forte provocazione, ma sarà in qualche modo una riflessione pacifista sull’”archetipo della guerra, qualsiasi guerra e non necessariamente le attuali guerre che esistono nei Paesi del Medio Oriente e del Mediterraneo orientale”, conferma la regista.

[caption id="attachment_86143" align="alignright" width="409"] Scena di Aida. Foto di Paolo Galletta[/caption]

Nel suo primo film di successo “Tano da morire”, Roberta Torre sorprese e deliziò pubblico e critica con un musical sulla mafia, che forse è e rimane il film più anti-mafia della storia del cinema: non solo sorpresa, ma anche ironia e derisione possono cancellare quella mitizzazione della mafia realizzata, volenti o nolenti, in molti film sulla criminalità organizzata in Sicilia.

Sarà dunque un’Aida che “smitizza” alcuni postulati del romanticismo operistico? Forse sì, e forse no. Lo spettacolo contiene in se stesso una forma di omaggio a Verdi, ma con un nuovo sistema, una nuova visione, “Ho pensato a questa Aida come ad un viaggio dove si mescolano prosa e canzoni, in cui trovano posto le parole, il musical, la chanson, la fiaba – scrive la Torre nelle note di regia – tutti insieme ci portano al grande circo dell’Aldilà.”

[caption id="attachment_86144" align="alignleft" width="322"] Aida, il coro. Foto di Paolo Galletta[/caption]

La componente circense è confermata dal vivo, in conferenza, dalla regista. E allora chiediamo quanti cavalli ed elefanti ci saranno in un trionfo d’Aida circense? “Solo un elefante e per giunta tagliato a fettine, liofilizzato, altrimenti non ci sarebbe entrato” è la risposta della regista. Il che non fa che aggiungere all’attesa della vigilia.

Una vigilia alimentata dalla grande attenzione di media e giornali, e che si alimenta ancor più con le immagini di splendidi costumi disegnati e realizzati da Dora Argento, compagna di viaggio della Torre sempre esplosiva nell’esaltare sorprese ed effetti del colore e della provocazione di regia. E nondimeno aspettiamo l’opera di Roberto Crea, deflagrante scenografo d’immagini e archetipi nella narrazione teatrale, e che compone insieme alle luci di Davide Scognamiglio.

“Trovano posto le parole”, dicevamo. E infatti ci sarà una voce narrante, quella di Salvatore D’Onofrio. E ci sarà anche un coro in maschera composto da tre attrici: Silvia Ajelli, Aurora Falcone e Giuditta Jesu.

E, dunque, domani scopriremo quale Aida sarà.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×