Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Si grida all'emergenza criminalità ma si tagliano le risorse per combatterla...

Emergenza criminalità, tra appelli e gridi di allarme. Ma le risorse destinate alle forze dell’ordine sono sempre meno. E quelle che ci sono

Franco Cascio

Emergenza Criminalità, tra appelli e gridi di allarme. Ma le risorse destinate alle Forze dell’Ordine sono sempre meno. E quelle che ci sono …

di Franco Cascio

L’ultimo grave fatto di cronaca avvenuto pochi giorni fa a Gallarate con la spettacolare evasione di un pericoloso detenuto a seguito del blitz messo in atto da un vero e proprio commando (e con a disposizione un imponente arsenale) è la dimostrazione che il grido di allarme del capo della Polizia, Alessandro Pansa, lanciato appena due mesi fa, sembra essere rimasto inascoltato.

«Troppi tagli, così diminuisce il servizio di sicurezza reso ai cittadini», aveva detto il numero uno della Polizia italiana.

Fatto più unico che raro nella storia recente di questo Paese che un capo della Polizia lanci un segnale così forte utilizzando parole dure che mettono in discussione quella percezione di sicurezza che ogni cittadino pretende di ricevere dalle istituzioni: «Non è pensabile che noi possiamo offrire lo stesso servizio di sicurezza che offrivamo qualche anno fa, con 15 mila poliziotti, 15 mila carabinieri e migliaia di finanzieri in meno. E con la riduzione delle risorse. In questo momento noi stiamo offrendo un servizio di sicurezza inferiore al passato». 

Dal canto suo, benché direttamente chiamato in causa, il ministro dell’Interno Angelino Alfano ha pensato bene di non dare alcun seguito alle dichiarazioni di Pansa, consapevole che – complici le festività natalizie – sarebbero presto scivolate nel dimenticatoio. E così infatti in parte è stato.

Ad alimentare ancora di più il grido di allarme ci hanno pensato però un mese dopo i presidenti delle Corti di Appello che attraverso le loro relazioni in occasione dell’inaugurazione dell’anno giudiziario hanno fatto emergere un quadro tutt’altro che roseo.

Prendiamo Palermo. E’ vero che si è registrato un calo nel numero degli omicidi rispetto al periodo precedente, ma i reati contro il patrimonio – furti e rapine – sono invece aumentati in maniera preoccupante.

In questo inquietante contesto, non poteva mancare l’intervento dei sindacati di categoria. Il Siulp di Palermo , per esempio, ha recentemente ha denunciato che ben il 40% dei mezzi della polizia palermitana sono fuori uso. Addirittura alcuni di quelli utilizzati per garantire la scorta ai magistrati antimafia sarebbero così malandati da mettere a repentaglio l’incolumità dei poliziotti.

Organico ridotto, mezzi carenti. Questa la situazione in cui versa il settore sicurezza in Italia. Eppure le risorse ci sarebbero: 2 miliardi di euro del Fondo unitario per la giustizia. Si tratta di quei soldi sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata che confluiscono in un fondo la cui gestione è in mano ad Equitalia. Risorse che dovrebbero essere messe a disposizione al ministero della Giustizia e dell’Interno. Dovrebbero appunto, ma invece sono inesorabilmente bloccate nelle casse di Equitalia.

Il prefetto Giuseppe Caruso, direttore dell’Agenzia nazionale per i beni confiscati (già sotto tiro per avere legittimamente sostituito amministratori giudiziari dei patrimoni sottratti alla mafia che percepivano parcelle d’oro per non fare nulla) è intervenuto in tal senso: «Perché questi soldi non vengono utilizzati per pagare la benzina, rinnovare il parco auto delle Forze di Polizia e per la cattura dei latitanti?».

Già, perché? Un appello quello del prefetto Caruso che rischia di rimanere ancora una volta lettera morta.

Franco Cascio

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews