Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Indipendentisti uniti: "Per la Sicilia l'unica via è l'autodeterminazione"

Si è svolto ieri a grammichele, in provincia di catania, il 1° convegno dell’ m. L. P. N. S. (movimentu di libbirazzioni nazziunali du populu sicilianu) cui hanno partecipato numerosi  gruppi indipendentisti e autonomisti siciliani. Fra i presenti, rappresentanti del movimento sicilia libera, del m. I. S. (movimento per l’indipendenza della sicilia), del c. A. S. S. (comitato autodeterminazione sicilia stato), del s. I. M. (siciliani in movimento)e singoli cittadini giunti da più parti dell’isola.

Daniela Giuffrida

Si è svolto ieri a Grammichele, in provincia di Catania, il 1° convegno dell’ M.L .P.N.S. (Movimentu di Libbirazzioni Nazziunali du Populu Sicilianu) cui hanno partecipato numerosi  gruppi indipendentisti e autonomisti siciliani. Fra i presenti, rappresentanti del movimento Sicilia Libera, del M.I.S. (Movimento per l’Indipendenza della Sicilia), del C.A.S.S. (Comitato Autodeterminazione Sicilia Stato), del S.I.M. (Siciliani in Movimento)e singoli cittadini giunti da più parti dell’Isola.
Abbiamo incontrato la portavoce del Movimento, Rosa Cassata e le abbiamo chiesto il significato del termine “autodeterminazione” e il perché di un Movimento di Liberazione Siciliano.
“Nel Dictionnaire de la terminologie du droit international di Parigi (1959) vengono citati diversi significati applicabili al concetto di diritto  all’autodeterminazione di un popolo; fra questi il dritto dei popoli ad essere consultati nelle cessioni territoriali, per esempio, o diritto dei popoli a scegliere la propria forma di governo, il diritto ad essere protetti contro tutti gli “interventi” esterni, oppure il diritto di un popolo a liberarsi di una dominazione che lo opprime".
L’ONU nel 1945 ha sancito il riconoscimento del diritto all’autodeterminazione dei popoli secondo lei il  popolo siciliano, rappresenta una “Nazione”?
“Si, conosciamo bene la differenza fra Stato (un territorio in cui vigono le stesse leggi ) e Nazione (un territorio dove si trovano gli stessi costumi, le stesse tradizioni ecc.) e sappiamo bene come, spesso, i due concetti non coincidano. La Nazione siciliana  ha tutte le carte in regola per potere immediatamente esercitare questo diritto.”
Il popolo siciliano come quello basco, quello catalano, il corso, il sardo, il tibetano, i nativi americani ed altri?
“Assolutamente si.”
L’art.1 della carta delle Nazioni Unite recita che tutti i popoli hanno il diritto ad autodeterminarsi e in virtù di questo diritto decidono del loro statuto e perseguono il loro sviluppo socio-economico e culturale, ma questo diritto può essere davvero vantato da tutti i popoli? 
“No, questo diritto attiene ai soggetti di diritto internazionale, cioè ai Movimenti di Liberazione Nazionali e vengono riconosciuti solo a tre categorie di popoli, ai popoli soggetti a dominio straniero, a quelli sottoposti a regime razzista e a quelli sottoposti a potenza coloniale. Ecco perché è nato il nostro movimento.”
Il Popolo Siciliano a quale di quelle tre categorie appartiene?
“Il 4 Giugno scorso, il Movimento di Liberazione del Popolo Siciliano (MLPNS) che non è un “partito politico ed usa come armi solo quelle date dal diritto internazionale, ha depositato all’ONU la propria denuncia contro lo Stato italiano per “OCCUPAZIONE, DOMINAZIONE E COLONIZZAZIONE della Nazione Siciliana e DISCRIMINAZIONE RAZZIALE perpetrata da oltre 150 anni sia da parte degli abitanti del Nord Italia, che dai parlamentari italiani. Ha presentato anche una serie di denunce con relativi dossier sulla trattativa Stato italiano-mafia e contro le istallazioni militari straniere sul territorio nazionale siciliano, insomma contro tutte quelle interferenze di potenze straniere sul territorio nazionale siciliano (M.U.O.S. docet) e sugli inquinamenti ambientali da radiazioni nucleari, come all’interno del BIVIERE DI LENTINI, ecc
Autodeterminazione del popolo, non violenza, tolleranza religiosa… ci ricordano un certo indiano..
“Ghandi riteneva fondamentale che gli indiani potessero decidere come governare il loro paese, perché la povertà in cui vivevano dipendeva dallo sfruttamento delle risorse da parte dei loro “colonizzatori” inglesi. I nostri sono italiani ma la sostanza non cambia.

 Pdl: "Aboliamo le regioni a Statuto Speciale". Gli indipendentisti siciliani: "Aboliamo questa Italia"      Le solite bugie sul Sud Italia La Sicilia regala all’Italia 10 miliardi di euro l’anno (almeno) L’Onu si schiera con le battaglie indipendentiste di Catalogna e Scozia Dalla Spagna la rivolta contro l’Ue dei massoni nemica delle Regioni (anche in Italia)

 

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Partecipa al sondaggio

e ricevi gratuitamente un nostro eBook

Considerato che MeridioNews non gode di contributi pubblici, quanto saresti disposto a pagare al mese per leggerlo?

Non pagherei 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Vorremmo inoltre non dipendere dagli inserzionisti. Quanto saresti disposto ad aggiungere per leggere MeridioNews senza pubblicità?

Niente, terrei la pubblicità 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Grazie per aver partecipato al sondaggio

Voglio ricevere l'eBook

Non voglio ricevere l'eBook

Inserisci la tua Email