Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Bennardo Raimondi: “Dopo aver tentato il suicidio ho capito il valore della vita…”

“l’8 marzo scorso ho tentato di suicidarmi. É stato terribile. Solo chi soffre come ho sofferto io può comprendere il motivo di questo gesto. Ho capito però di aver sbagliato”.

Sabrina Macaluso

“L’8 marzo scorso ho tentato di suicidarmi. É stato terribile. Solo chi soffre come ho sofferto io può comprendere il motivo di questo gesto. Ho capito però di aver sbagliato”.

Con queste parole l’imprenditore palermitano, Bennardo Raimondi, si rivolge a tutti coloro che, per mancanza di un lavoro e stritolati dai debiti, hanno pensato più volte al suicidio come ultima soluzione ai propri guai.

La storia di Raimondi ve l’abbiamo raccontata qui. L’imprenditore, vittima di racket, dopo aver denunciato i suoi strozzini, è rimasto senza lavoro, né speranze di riavviare la propria attività, una piccola bottega di manufatti in ceramica, ubicata al piano terra della sua abitazione, a Palermo.

Pieno di debiti e senza alcun rimedio che potesse risanare la sua drammatica condizione economica, l’8 marzo scorso ha tentato di farla finita, pensando di mettere fine per sempre alla sua atroce sofferenza. Oggi però è consapevole del grosso sbaglio che stava per commettere ed è per questo che dedica un messaggio di speranza a tutti coloro che soffrono come lui.

“Nessun debito, nessuna cifra – scrive Raimondi -  può ripagare una vita, cioè la cosa più preziosa che possa esistere.Vi capisco, so quello che si prova. Ci si sente  soli, disperati, isolati. La gente neanche ti guarda o ti risponde al telefono e ti umilia, è vero. Ma credetemi, la vita è preziosa più di ogni altra cosa. Stavo facendo la grande sciocchezza di farla finita, ma ora ho capito l’importanza della quotidianità anche con tutte le sue difficoltà”.

Raimondi ha trovato il coraggio di chiedere aiuto a tutti i suoi cari e a quelle persone che provano a stargli accanto come possono, contribuendo anche economicamente.

“Sto cercando di riprendermi grazie ai miei fratelli e alle mie sorelle, ma il mio appello è rivolto a tutta la società. Non siate indifferenti, aiutate come potete tutti coloro che chiedono aiuto e non vedono più vie di uscita. Non è vero che nessuno può fare nulla, anche una parola di conforto può fare la differenza e salvare la vita ad una persona. E le parole non costano. Sono l’egoismo e l’indifferenza della società ad uccidere veramente un uomo. Non lasciateli soli e fate quel che potete”.

Il pensiero di Raimondi va anche a chi non ce l’ha fatta e ha deciso di mollare tutto, la propria vita, la famiglia e le ultime speranze.

Sì, perché questa tragedia sociale riguarda milioni e milioni di persone, che vedono nella morte l’unica soluzione, l’unica alternativa a una vita fatta di stenti, dolore e umiliazioni.

Esorbitanti le cifre dei dati Istat, relativi al numero dei suicidi legati alla disoccupazione. Da gennaio 2013 fino ad oggi, in Italia, si sono tolti la vita già 268 disoccupati, contro i 500 del 2012.

È il Centro-Nord a detenere il triste primato dei casi di suicidio, con la Lombardia al primo posto. Il fenomeno dei tanti che quotidianamente compiono il gesto estremo, è però riconducibile, secondo uno studio dell’Eures (Ricerche Economiche e Sociali) sul  Il suicidio in Italia al tempo della crisi, soprattutto alla figura maschile.

Bennardo Raimondi:“Ho denunciato i miei strozzini, ora sono alla fame” “Io, testimone di Giustizia, lasciata sola”

 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×