Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

152 anni fa i piemontesi 'conquistavano' la Sicilia

Da giuseppe scianò

Redazione

da Giuseppe Scianò
leader del Fronte nazionale siciliano
riceviamo e volentieri pubblichiamo

Gli Indipendentisti di lu Frunti Nazziunali Sicilianu ricordano che nella notte fra il 5 ed il 6 maggio del 1860 partì da Quarto (Genova) la cosiddetta “spedizione dei Mille” guidata da Giuseppe GARIBALDI. I “Garibaldini” usarono due grossi piroscafi, il “LOMBARDO” ed il “PIEMONTE”, acquistati dalla Compagnia Rubattino e profumatamente pagati dal Governo di Torino (Capo del Governo: Camillo BENSO Conte di CAVOUR). Patrocinatore dell’operazione il Re Vittorio Emanuele II. “Mandante” e tutore dell’iniziativa superpatriottica fu il Governo BRITANNICO.

Per l’occasione fu messa in moto una patetica messinscena, secondo la quale Nino Bixio ed il capitano Castiglia con un “COMMANDO” di coraggiosi “garibaldini” avrebbero “catturato” (e non - come avvenne – “PRELEVATO”, seppure in modo goffo e con grandi difficoltà, per avviare i motori) nel porto di Genova le due navi con i rispettivi equipaggi all’insaputa di tutti.

Affinché la messinscena riuscisse al meglio, la polizia portuale ed ogni possibile testimone erano stati allontanati dal porto fin dal giorno precedente. Era, questo soltanto l’inizio di una tragicommedia, spacciata per buona, ancora oggi, dalla cultura ufficiale, italiana e secondo la quale il tutto sarebbe avvenuto segretamente - e, addirittura!, all’insaputa del CAVOUR e del Re Vittorio Emanuele II. Inutile dire che il Cavour, ufficialmente, fece finta di indignarsi contro questa azione piratesca, ma sottobanco e per iscritto ordinava alla Flotta Militare “piemontese”, comandata dall’Ammiraglio PERSANO, di scortare con discrezione i due piroscafi per difenderli da eventuali attacchi di navi del Regno delle Due Sicilie.

Alle spalle di tutta l’allegra comitiva, vigilavano e sovrintendevano le navi da guerra della Mediterranean Fleet britannica. Non a caso era il Governo di Londra che tirava le fila dell’operazione “UNITÀ d’ITALIA” con annessa operazione DISTRUZIONE del REGNO del SUD e dell’ECONOMIA MERIDIONALE e di QUELLA SICILIANA.

Precisiamo che i Siciliani partecipanti alla spedizione, formata da 1078 uomini (in stragrande maggioranza PADANI), furono in tutto una trentina. Ancora in minor numero furono i “NAPOLETANI”. Insomma: l’F.N.S. Sicilia Indipendente” – in occasione della ricorrenza del 152° Anniversario di quella che fu la “SPEDIZIONE dei MILLE” si propone, ancora una volta di SEGUIRE, passo dopo passo, quegli avvenimenti per riaffermare concretamente il diritto, imprescrittibile ed irrinunciabile, del Popolo Siciliano, della Nazione Siciliana, alla MEMORIA STORICA. E, soprattutto, il diritto alla VERITÀ.

Una “VERITÀ” (quella sul RISORGIMENTO ITALIANO in SICILIA) “SCOMODA” per tutti ed AMARA, molto AMARA, per il Popolo Siciliano.

Ma si sa: NELL’AMAREZZA DELLA MEDICINA SI TROVA, SPESSO, LA SALUTE.

Antudu!

In prima pagina, un'opera di Enzo Patti

 

 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews