Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Intervista esclusiva a Ficarra & Picone

E’ incredibile come sia possibile trovarsi a contatto con due grandi celebrità del mondo dello spettacolo e sentirsi a proprio agio conversando amabilmente in mezzo alla folla. Per puro caso abbiamo incontrato salvo ficarra e valentino picone alla stazione centrale di palermo, mentre fanno i biglietti per roma dove si recano a presentare il loro ultimo film che in queste settimane sta sbancando i botteghini: 'anche se è amore non si vede'. Film arrivato nelle sale qualche giorno fa di cui tutti parlano, ma pochi hanno veramente capito la portata. Vederlo, prima che sia troppo tardi, è d’obbligo.

Cesare Verro

E’ incredibile come sia possibile trovarsi a contatto con due grandi celebrità del mondo dello spettacolo e sentirsi a proprio agio conversando amabilmente in mezzo alla folla. Per puro caso abbiamo incontrato Salvo Ficarra e Valentino Picone alla Stazione Centrale di Palermo, mentre fanno i biglietti per Roma dove si recano a presentare il loro ultimo film che in queste settimane sta sbancando i botteghini: 'Anche se è amore non si vede'. Film arrivato nelle sale qualche giorno fa di cui tutti parlano, ma pochi hanno veramente capito la portata. Vederlo, prima che sia troppo tardi, è d’obbligo.
Alla Stazione è bastato poco per familiarizzare e ottenere un’intervista esclusiva: un caffé, un’arancina, una minerale non frizzante, una sigaretta, una rapida lettura delle prime pagine dei giornali, una decina di telefonate (a testa), una ventina di foto con autografi, una scappata alla toilette ed eccoli qua a raccontarsi al nostro giornale. Due fiumi in piena.

'Anche se è amore non si vede' è un film che risente della crisi di questi anni. I temi affrontati - la disoccupazione, il malessere sociale, il berlusconismo al tramonto - sono trattati senza sconti. Cosa vi ha spinto su questa strada abbandonando il western che vi ha reso famosi?
Picone: “Con questo film abbiamo voluto mettere a nudo la schizofrenia enigmatica della nostra società che da una parte si auto-analizza decontestualizzandosi e dall’all’altra si contestualizza estraniandosi. Non so se siamo stati chiari...”.

Chiarissimi.

Ficarra: “In pratica, in questo film i nostri personaggi sono come delle macchie colorate all’interno di un bianco e nero che ne enfatizza la funzione drammaturgica. Abbiamo voluto dimostrare che l’uomo-animale è simile a questa arancina fritta che stiamo mangiando (buonissima tra l’altro). ‘Lei’ (l’arancina) non si chiede cosa era prima di nascere, cosa sarà dopo la morte e se c’è un Creatore di arancine. ‘Lei’ (l’arancina) ha le idee chiarissime pur non avendone una”.

[caption id="attachment_3120" align="alignright" width="300" caption="Ficarra&Picone sul treno prima di partire per Roma"][/caption]

Ehm... naturalmente …. nel film, di cui avete curato la regia, la sceneggiatura, la fotografia, la scenografia, le locascion, il trucco, le luci e gli spuntini durante le riprese, non vi si vede mai se non di spalle.  E’ chiaramente un omaggio ad uno dei padri del cinema ussaro, ma anche un segno di protesta. Contro chi?
Picone: “Il nostro è un film contro quelli che fanno film-contro. Abbiamo voluto puntualizzare l’aspetto onirico che dentro ognuno di noi diventa realtà scomoda. Abbiamo voluto scavare il nostro sottosuolo e ci siamo casualmente imbattuti in noi stessi. Ci siamo chiesti: un’arancina si definisce fritta solo quando è morta? Se sì, noi in questo momento ci stiamo cibando di una cosa morta pur di rimanere in vita? Non so se siamo stati chiari...”.

Chiarissimi.

Ficarra: “Lei, per esempio, pensa di essere superiore a questa arancina. Tra l’altro veramente buona, non faccia complimenti, vuole assaggiare?”.

Sì, grazie...

Ficarra: “Dicevamo, lei pensa di essere superiore a questa arancina perché secondo lei il ragù che ci sta dentro non sarebbe in grado di capire le sue domande. In realtà, è l’arancina ad essere superiore a lei per il semplice fatto che l’arancina se ne infischia delle sue domande”.

Non ci avevo riflettuto. Ma torniamo al film. La storia che raccontate si sviluppa a Torino, che assieme a Praga e Lione è una delle punte del triangolo europeo della magia nera.
E’, come avete recentemente dichiarato al Wall Street Giurnal, una sfida. Volete chiarire, in italiano, ai nostri lettori il senso di questa sfida?
Ficarra: “In realtà, non è affatto una sfida ma una 'battaglia' ancora aperta. La sua domanda ci stimola a parlare degli intenti ‘sfidanti’ che abbiamo affrontato all’interno del nostro film. Non so se...”.

Chiarissimi, per carità...

Picone: “Lei non mi sembra molto convinto, mi spiego meglio: l’enigma che il nostro modesto film si sforza di affrontare è fin troppo evidente agli spettatori. I nostri personaggi si fanno delle domande ‘sfidanti’ appunto. Per esempio: il platonismo è stato superato veramente dall’aristotelismo?”.
Secondo voi?
Picone: “Non possiamo rispondere. Non vogliamo svelare troppo della trama del film”.

Del successo che state avendo si sono accorti anche oltreoceano. E’ di pochi giorni fa la notizia che prenderete il posto di Robert Pattinson e Kristen Stewart nella saga dei vampiri di Twilight.
Il nuovo titolo 'Twighlight, that’s impossible come back all together in the same car', nelle sale la prossima estate, ha come ambientazione il castello di Caccamo. E’ stata una vostra scelta?

Ficarra: “No. È una cortesia che dovevamo fare a un assessore di Caccamo”.

Parliamo adesso di voi e del rapporto che avete con le vostre origini. Come riuscite a sopporta
re le richieste di foto, autografi e prestiti di denaro da parte dei vostri ex compagni di scuola o perfino da parte di semplici passanti che si spacciano per vostri parenti?

[caption id="attachment_3121" align="alignright" width="300" caption="L'arancina assaggiata"][/caption]

Picone: “Ci consideriamo semplicemente ‘altro’ rispetto a quello che siamo. Qui non ci sono alternative: o si è freudiani o junghiani, tertium non datur. Ma veramente non vuole assaggiare?”.

Già fatto, grazie. Non vorremmo farvi perdere il treno, ma un’ultima domanda è d’obbligo: essere travolti dal successo è una cosa che vi sentite di augurare ai nostri lettori?

Picone: “Il successo no, non lo auguriamo neanche a noi, perché il successo è già successo, è participio passato. Noi auguriamo sempre il ‘succederà’”.

Grazie Valentino, grazie Salvo per il caffé l’arancina e la sigaretta. E buon Natale.

Ficarra: “Grazie a lei. Permette una puntualizzazione?”.

Prego?

Ficarra: “Non vorremmo essere stati fraintesi. Quando poco fa parlavamo del platonismo non volevamo per niente asserire che l’aristotelismo è mero materialismo, logicismo asettico, positivismo estetico. La nostra è una considerazione scevra da qualsiasi posizione aprioristica. A tal proposito, le vorremmo chiedere se, per cortesia, potesse pagare lei le arancine, i caffé, l’acqua minerale e i giornali, perché non abbiamo soldi spicci”.

Certamente! Per me è un onore offrirvi qualcosa. Avete bisogno d’altro? Comunque, grazie per la puntualizzazione, ma si era già capito tutto.

Picone: “Grazie, lei si che è un bravo giornalista. Ci scusi se siamo stati banali, ma voi giornalisti ci fate sempre le stesse domande. A presto”.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×