Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Roger Federer, "Re" di Londra

E' difficile trovare ancora parole per parlare del nuovo (ma va. . . ) vincitore del master. Con una prova neanche particolarmente brillante e regalando tutto quanto si poteva ad un avversario coraggioso ma troppo inferiore, roger federer ha vinto il master – o atp finals, chiamatelo come volete la sostanza non cambia – di londra per la sesta volta. Inutile parlare di numeri per lo svizzero, che ha frantumato praticamente ogni record che riguarda i campi da tennis. Ieri sera, visto che c'era, ne ha battuto altri due e uguagliato un terzo. Oltre a diventare il giocatore che più volte ha vinto il master, staccando sampras e lendl, il trentenne svizzero è diventato il giocatore più “anziano” a vincere il torneo, superando nastase. Inoltre con la 37a vittoria di ieri ha eguagliato anche il numero di partite vinte da lendl nel torneo. Si potrebbe continuare a lungo, ricordando la centesima finale e la settantesima vittoria ma sarà il caso di soffermarci sulla partita di ieri. Dopo l'incolore prova offerta contro ferrer lo svizzero sembrava volere evitare che tsonga prendesse troppa confidenza. Primo set vinto grazie ad un solo break sul 4-3 e nel secondo subito due palle break per andare in fuga, annullate con un paio di servizi folgoranti sa tsonga. Il break era rinviato di poco perché sul 2 pari una risposta di dritto su una prima molto carica di tsonga regala a federer il break e il 3-2. La partita seguiva ancora i servizi e sul 5-4 non si sarebbe trovato più nessuno disposto a scommettere sulla partita. Ma il tennis ha il suo fascino anche perché un pluridecorato fuoriclasse riesce ancora a sentire l'emozione. A federer viene il braccino e tsonga prima vola sullo 0-40 ottenendo le sue prime palle break dell'incontro. A nulla valgono una pio di prodezze dellos vizzero perché alla terza occasione con uno smash rabbioso tsonga si riprende il break e va sul 5 pari. La partita si accende con il pubblico tutto schierato dalla parte del transalpino sperando di veder prolungato l'incontro. Si arriva al tie-break e qui lo svizzero prende subito il vantaggio di un mini-break per restituirlo con un doppio fallo. Federer sembra in grado di chiudere e vola 5-2. Ma tsonga è un gran combattente e prima raggiunge lo svizzero sul 5 pari, poi sul match point contro sfodera un dritto pazzesco che lascia fermo l'avversario e infine riesce a vincere il set costringendo federer ad un errore di rovescio. Un set pari con l'incognita se federer riuscirà o meno a dimenticare tutte le occasioni sprecate. Ma non si è federer per nulla, mentre lo svizzero tiene abbastanza agevolmente la sua battuta tsonga comincia a vedere i fantasmi, cala con la prima ed è in pericolo costante. Sul 4-3 federer lo svizzero si procura per tre volte la palla break e la terza è quella decisiva. Federer va di nuovo a servire per il match e stavolta non ci sono sorprese.

Roberto Salerno

E' difficile trovare ancora parole per parlare del nuovo (ma va...) vincitore del Master. Con una prova neanche particolarmente brillante e regalando tutto quanto si poteva ad un avversario coraggioso ma troppo inferiore, Roger Federer ha vinto il Master – o ATP Finals, chiamatelo come volete la sostanza non cambia – di Londra per la sesta volta. Inutile parlare di numeri per lo svizzero, che ha frantumato praticamente ogni record che riguarda i campi da tennis. Ieri sera, visto che c'era, ne ha battuto altri due e uguagliato un terzo. Oltre a diventare il giocatore che più volte ha vinto il master, staccando Sampras e Lendl, il trentenne svizzero è diventato il giocatore più “anziano” a vincere il torneo, superando Nastase. Inoltre con la 37a vittoria di ieri ha eguagliato anche il numero di partite vinte da Lendl nel torneo. Si potrebbe continuare a lungo, ricordando la centesima finale e la settantesima vittoria ma sarà il caso di soffermarci sulla partita di ieri. Dopo l'incolore prova offerta contro Ferrer lo svizzero sembrava volere evitare che Tsonga prendesse troppa confidenza. Primo set vinto grazie ad un solo break sul 4-3 e nel secondo subito due palle break per andare in fuga, annullate con un paio di servizi folgoranti sa Tsonga. Il break era rinviato di poco perché sul 2 pari una risposta di dritto su una prima molto carica di Tsonga regala a Federer il break e il 3-2. La partita seguiva ancora i servizi e sul 5-4 non si sarebbe trovato più nessuno disposto a scommettere sulla partita. Ma il tennis ha il suo fascino anche perché un pluridecorato fuoriclasse riesce ancora a sentire l'emozione. A Federer viene il braccino e Tsonga prima vola sullo 0-40 ottenendo le sue prime palle break dell'incontro. A nulla valgono una pio di prodezze dellos vizzero perché alla terza occasione con uno smash rabbioso Tsonga si riprende il break e va sul 5 pari. La partita si accende con il pubblico tutto schierato dalla parte del transalpino sperando di veder prolungato l'incontro. Si arriva al tie-break e qui lo svizzero prende subito il vantaggio di un mini-break per restituirlo con un doppio fallo. Federer sembra in grado di chiudere e vola 5-2. Ma Tsonga è un gran combattente e prima raggiunge lo svizzero sul 5 pari, poi sul match point contro sfodera un dritto pazzesco che lascia fermo l'avversario e infine riesce a vincere il set costringendo Federer ad un errore di rovescio. Un set pari con l'incognita se Federer riuscirà o meno a dimenticare tutte le occasioni sprecate. Ma non si è Federer per nulla, mentre lo svizzero tiene abbastanza agevolmente la sua battuta Tsonga comincia a vedere i fantasmi, cala con la prima ed è in pericolo costante. Sul 4-3 Federer lo svizzero si procura per tre volte la palla break e la terza è quella decisiva. Federer va di nuovo a servire per il match e stavolta non ci sono sorprese.

Abbonati a MeridioNews per continuare a leggere l'articolo

È gratis per i primi 30 giorni

Un piccolo sostegno a fronte di un grande lavoro: per leggere il giornale dal tuo smartphone, dopo 3 contenuti gratuiti ogni mese, ti chiediamo un contributo. In cambio non vedrai pubblicità invasiva e potrai scoprire tutti i nostri approfondimenti esclusivi.

Scopri di più

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×