Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Masters di Londra, sorpresa Ferrer in semifinale

Anche il gruppo a del master ha il suo semifinalista. A sorpresa – ma non per i lettori di linksicilia – non si tratta del dominatore della stagione 2011, novak djokovic, ma dello spagnolo “minore”, l'encomiabile ferrer. Dotato di talento tennistico inferiore al serbo, il buon david è arrivato al master in condizioni di forma decisamente migliori. E se la vittoria di lunedì contro andy murray poteva lasciare perplessi per via dei guai fisici che hanno portato lo scozzese al ritiro, la partita di ieri sera è stata netta e senza possibilità di fraintendimenti. Dal 3-3 del primo set, ferrer ha schiantato il serbo, rifilandogli un parziale di 9 giochi a 1 e strappandogli il servizio 4 volte su 5. E' successo un po' quello che era successo la sera prima col giocatore più avanti in classifica letteralmente preso a pallate da quello immediatamente dietro. Ma se nel caso di nadal il nome dell'avversario è una giustificazione non da poco, nel caso di djokovic ci si potrebbe preoccupare di più. Per quanto ferrer sia un onesto lavoratore del circuito, capace di arrivare in semifinale a melbourne e a new york e finalista di questo torneo quattro anni fa, è il modo con cui è sopraggiunta la sconfitta che dovrebbe far squillare qualche campanello d'allarme nell'entourage del serbo.

Roberto Salerno

Anche il gruppo A del master ha il suo semifinalista. A sorpresa – ma non per i lettori di linksicilia – non si tratta del dominatore della stagione 2011, Novak Djokovic, ma dello spagnolo “minore”, l'encomiabile Ferrer. Dotato di talento tennistico inferiore al serbo, il buon David è arrivato al master in condizioni di forma decisamente migliori. E se la vittoria di lunedì contro Andy Murray poteva lasciare perplessi per via dei guai fisici che hanno portato lo scozzese al ritiro, la partita di ieri sera è stata netta e senza possibilità di fraintendimenti. Dal 3-3 del primo set, Ferrer ha schiantato il serbo, rifilandogli un parziale di 9 giochi a 1 e strappandogli il servizio 4 volte su 5. E' successo un po' quello che era successo la sera prima col giocatore più avanti in classifica letteralmente preso a pallate da quello immediatamente dietro. Ma se nel caso di Nadal il nome dell'avversario è una giustificazione non da poco, nel caso di Djokovic ci si potrebbe preoccupare di più. Per quanto Ferrer sia un onesto lavoratore del circuito, capace di arrivare in semifinale a Melbourne e a New York e finalista di questo torneo quattro anni fa, è il modo con cui è sopraggiunta la sconfitta che dovrebbe far squillare qualche campanello d'allarme nell'entourage del serbo.

[caption id="attachment_2262" align="alignleft" width="307" caption="Foto di Càssia Afini"][/caption]

Dalla finale vinta allo US Open Djokovic non è riuscito più ad imbroccarne una. Sconfitto da Del Potro nella semifinale di Davis, con la complicità di un infortunio alla spalla, il serbo ha saltato completamente la stagione asiatica per presentarsi al torneo di Basilea. Al cospetto di un promettente giapponese, Nishikori, è improvvisamente evaporato subendo un secco 6/0 nel set decisivo. Anche a Parigi-Bercy non è andata meglio. Superato un pavido connazionale ha preferito il numero uno del mondo ha preferito evitare di scontrarsi con uno Tsonga in condizioni decenti, perché - diceva – preferiva prepararsi per il master. Ma al master dopo aver rischiato grosso nel primo match contro uno sciagurato Berdych, che ha avuto persino il match point sulla racchetta, ha subito questa severissima sconfitta. La speranza, per i tifosi del serbo, è che davvero stia preparandosi per la stagione nuova. La preoccupazione è che il tipo di gioco, fatto di recuperi pazzeschi, di pressing asfissiante, di capacità di tenuta fisica quasi sovrumana, sia stato troppo dispendioso e che possa pagare l'enorme sforzo prodotto per arrivare ai vertici ancora a lungo. Basterà aspettare un paio di mesi, all'Australian Open avremo delle risposte. Nel frattempo il torneo per Djokovic non è ancora finito, lo aspetta un terzo match nel quale si giocherà le poche speranze di arrivare in semifinale, ma se Berdych batterà Ferrer in due set per Djokovic sarà inutile qualsiasi risultato.

La partita del pomeriggio ha riservato un nutrito nugolo di emozioni soprattutto nel tie-break decisivo. Berdych stava per riuscire nell'impresa di perdere un'altra partita già vinta, dopo quella contro Djokovic. Ma stavolta dall'altra parte non c'era uno che ha vinto 4 prove dello slam e poco incline a perdonarti le debolezze, ma Tipsarevic, uno che è ancora più emotivo. Dopo aver servito saette per tutta la partita sul 6-5 e con due servizi a disposizione l'ammiratore di Dostojevskji ha pensato bene prima di sbagliare una facile volée di rovescio buttando al vento il suo match point e poi è riuscito a commettere il suo secondo doppio fallo dell'intera partita, proprio sul 6 pari del tiebreak. Al buon Berdych non è rimasto che ringraziare e adesso gli basterà battere un rilassato Ferrer per arrivare alla semifinale contro Federer.

Stasera si chiude il gruppo B. Mentre nel pomeriggio ci sarà una partita del tutto inutile (Federer è sicuro primo del girone, Fish sicuro ultimo), l'incontro tra Nadal e Tsonga ci dirà chi accompagnerà lo svizzero in semifinale.
I precedenti sono 6-2 per lo spagnolo ma di questi tempi, e in questi campi, sembra improbabile che il distacco possa aumentare.

 

Risultati: Berdych b. Tipsarevic 2/6 6/3 7/6 (6); Ferrer b. Djokovic 6/3 6/1

 

 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×