Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Palermo, Confindustria senza industria

Quando pronunci la parola ‘industria’ ti appare subito davanti agli occhi l’immagine di un opificio dove operai, tecnici, imprenditori sono al lavoro operoso. E vedi chi è dedito  a progettare e guidare processi di lavorazione, chi materialmente li trasforma combina le materie prime per farne prodotti finiti o semilavorati da proporre al mercato. Quindi chi prende contatti con gli operatori del mercato, con i clienti e i fornitori di materie prime, sia per controllare il gradimento dei prodotti proposti, sia per acquisire materie prime alle migliori condizioni, sia per acquisire risorse finanziarie dalle banche da destinare agli investimenti, sia per la gestione delle spese ordinarie.

Riccardo Gueci

Quando pronunci la parola ‘industria’ ti appare subito davanti agli occhi l’immagine di un opificio dove operai, tecnici, imprenditori sono al lavoro operoso. E vedi chi è dedito  a progettare e guidare processi di lavorazione, chi materialmente li trasforma combina le materie prime per farne prodotti finiti o semilavorati da proporre al mercato. Quindi chi prende contatti con gli operatori del mercato, con i clienti e i fornitori di materie prime, sia per controllare il gradimento dei prodotti proposti, sia per acquisire materie prime alle migliori condizioni, sia per acquisire risorse finanziarie dalle banche da destinare agli investimenti, sia per la gestione delle spese ordinarie.

Bene, di questa immagine scordatevene l’esistenza. La proposta di Confindustria Palermo, presentata lo scorso 14 novembre al teatro Politeama non percorre questa strada. Gli industriali ci hanno illustrato il loro progetto per rilanciare l’economia nella città e ci hanno detto che l’industria palermitana è attenta alla sistemazione urbanistica delle stessa città di Palermo: il che implica come immediata conseguenza un po’ più di conglomerato cementizio da versare sul territorio; gli stessi industriali vorrebbero destinare ad attività del terziario (turismo, commercio, servizi nonché il nuovo stadio del calcio di Zamparini) gli spazi poco ‘sfruttati’ del territorio urbano e, ciliegina sulla torta, si candidano alla gestione dei servizi urbani.

In altri termini, si propongono di gestire le attività economiche garantite dalle bollette, piuttosto che competere nel mercato globale del comparto manifatturiero. Chi volesse sincerarsi della qualità confindustriale palermitana faccia un giro nelle aree all’uopo attrezzate di Termini Imerese, di Carini o di Brancaccio. Dal punto di vista produttivo e del valore aggiunto sono testimonianze illuminanti.

I candidati a sindaco della città di Palermo, che hanno assistito alla manifestazione confindustriale, farebbero bene ad immaginare un ruolo produttivo delle risorse umane e territoriali della città. E dovrebbero riflettere sul fatto che i fondi strutturali europei inseriti nel bilancio della Regione siciliana nell’anno 2010 sono andati per la quasi totalità in economia. Cioè, non c’è stata spesa d’investimento perché non c’è stata domanda. E si domandino: come mai tanta carenza di richiesta di investimenti in presenza di cotanto attivismo confindustriale? Forse - può essere una risposta - perché il mercato dei servizi a bolletta presenta minori rischi d’impresa rispetto a quello competitivo del manifatturiero. L’immagine dell’opificio, a Palermo, è proprio svanita.

Queste proposte un po’ balzane sono state fatte proprie dal presidente della Regione, Raffaele Lombardo, che, in virtù della sua ‘nota’ competenza in materia economica, nel giro di ventiquattr’ore, li ha inserite tra le priorità del programma della Regione siciliana in pendent con la stabilizzazione di 750 precari, Nulla contro questi precari - che anzi gestiscono servizi essenziali e importanti per la collettività, dalla protezione civile al monitoraggio delle acque. Però, ammetterete, è l’accoppiata dei due provvedimenti - stabilizzazione precari e progetto industriale senza industria - che dà la misura delle ‘grandi’ strategie economiche di questo governo regionale...

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews