Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

“Palermo? Basta con il cemento”

"se questo è il buongiorno chissà cosa ci aspetta domani”. Parola di giuseppe apprendi, parlamentare regionale del pd eletto nel collegio di palermo. Ed è proprio della città dove vive e lavora che si sofferma in un comunicato il deputato che è stato, tra l’altro, anche consigliere comunale.

Redazione

"Se questo è il buongiorno chissà cosa ci aspetta domani”. Parola di Giuseppe Apprendi, parlamentare regionale del Pd eletto nel collegio di Palermo. Ed è proprio della città dove vive e lavora che si sofferma in un comunicato il deputato che è stato, tra l’altro, anche consigliere comunale.
“Oggi - dice Apprendi - è stata una giornata campale, tutti si stanno mobilitando per organizzare colate di cemento a Palermo. Dal fondo Uditore, all'area Luparello, ognuno pensa di potersi inventare qualcosa”.
Il riferimento è alla colata di cemento che, nella testa dei governanti della Regione, dovrebbe travolgere fondo Luparello, uno degli ultimi ‘polmoni verdi’ di Palermo. Dove il governo regionale vorrebbe realizzare un improbabile centro direzionale con annessi collegamenti autostradali. Cemento & asfalto a più non posso.
“Nel caso in cui qualcuno l'avesse dimenticato - sottolinea Apprendi - questa è una città dove cemento e sangue hanno convissuto. Le speculazioni edilizie si sono intrecciate con i morti. Palermo può fare a meno di altro cemento”.
Il parlamentare regionale del Pd, nel comunicato, non lo dice. Ma sembra chiaro che il riferimento è anche ai progetti per la città illustrati ieri da Confindustria Palermo nel corso di un incontro andato in scena nel capoluogo della Sicilia.
A differenza del governo regionale, che pensa al cemento al cubo, nel progetto di Confindustria c’è anche spazio per il verde. Ma c’è, inevitabilmente, anche nuovo cemento. Da qui una domanda che Apprendi formula a chiusura del suo comunicato: “A quale sindaco stanno parlando questi soggetti? Dategli un volto”.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×