Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Lega, Gelarda lascia il partito e va con De Luca
Si dimettono anche tre commissari cittadini

Il capogruppo uscente al Consiglio di Palermo passa con Sicilia vera. Via anche i rappresentanti di Monreale, Misilmeri e Cerda, che promettono di essere solo i primi della lista dei partenti

Gabriele Ruggieri

«Da oggi non faccio più parte della Lega, mi sono dimesso da ogni incarico che ancora detenevo dentro il partito». L'attesa di un chiarimento, dopo la cacciata dai gruppi whatsapp del carroccio seguita a una nota critica nei confronti del direttivo regionale, non c'è mai stata. Igor Gelarda fa le valigie e lascia quello che per quattro anni è stato il suo partito. Per lui si aprono le porte di Sicilia Vera, il movimento di quel Cateno De Luca con cui lo stesso Gelarda aveva «preso un caffè» all'indomani del suo comunicato tanto poco gradito al coordinatore leghista Nino Minardo.

«Sono molte le ragioni che mi hanno spinto a questa scelta sofferta - dice Gelarda - Quel progetto della Lega siciliana che mirava al federalismo e all'autonomia della Sicilia non esiste più. Non c'è più nessuna attenzione verso le famiglie e i bisogni della gente. E soprattutto il progetto di Matteo Salvini sarebbe dovuto essere in totale rottura con il vecchio modo di fare politica in Sicilia. Mentre non è accaduto: Io non ho nulla da condividere con la attuale classe dirigente della Lega siciliana, il mio modo di pensare e di fare politica è distante anni luce dal loro».

«Lascio non perché cerco poltrone - continua il capogruppo uscente della Lega al consiglio comunale di Palermo - al contrario in qualità di ex capogruppo e soprattutto di primo dei non eletti alle europee del 2019, mi è stato più volte garantito che sarei stato candidato alle prossime elezioni nazionali. Ma non mi interessa un collegio sicuro, non mi interessano le poltrone, se poi non riesco a essere utile alla mia comunità. Ho deciso perciò di aderire al progetto di Cateno De Luca sindaco di Sicilia, perché è l'unico che dice le cose in faccia, che ha coraggio, che non accetta compromessi, come me. L'unico che può cambiare la storia di questa terra». Ma Gelarda non è l'unico a lasciare.

Di stamattina è anche la notizia di altre tre importanti defezioni per il partito di Matteo Salvini, che perde in un colpo solo i commissari cittadini di Monreale, Misilmeri e Cerda. Si tratta di Giuseppe Romanotto, candidato sindaco di Monreale con la Lega con il 13 per cento di preferenze, Giusto Lo Franco e Salvatore Cappadonia, che hanno spiegato le proprie in una nota che ricalca nei concetti e persino nelle parole quella di Gelarda. «È fallito il tentativo di creare una classe dirigente nuova radicata nel territorio - dicono - i cittadini se ne sono accorti perché abbiamo imbarcato di tutto, e la Lega in Sicilia ha perso di credibilità nei confronti degli elettori». E concludono promettendo nuove dimissioni nei prossimi giorni.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×