Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Comunali, Roberto Lagalla incontra La Russa e Musumeci
«Regionali? Ci confronteremo, ma favoriremo il presidente»

Il candidato sindaco del centrodestra unito resta possibilista sulla riproposizione del governatore alla guida della Sicilia, nonostante le posizioni degli alleati. Il vicepresidente del Senato: «Accordo di massima per Carolina Varchi vicesindaca»

Gabriele Ruggieri

Foto di: gabriele ruggieri

Foto di: gabriele ruggieri

Roberto Lagalla incontra Fratelli d'Italia. Il candidato sindaco di Palermo del centrodestra finalmente unito ha fatto il punto con Ignazio La Russa, Nello Musumeci e i vertici cittadini del partito di Giorgia Meloni, tra i primi a sostenerlo. «Si tratta di uno dei leader di un partito della mia coalizione - spiega Lagalla, parlando di La Russa - era giusto incontrarlo, così come incontrerò tutti gli altri vertici di partito». Sul tavolo tanti punti di discussione, anzitutto sul fronte palermitano, con Carolina Varchi, primo nome avanzato dal FdI come propria candidata alla guida della città, successivamente ritirato per confluire sull'ex assessore regionale, per cui si prospetta l'investitura a vicesindaca, nonostante la cautela nelle parole di Lagalla, che parla di «niente di definito». «È scontato che ci sia un tacito accordo con i partiti della coalizione - dice da par suo La Russa - Non c'è niente di ufficiale perché non vogliamo mettere paletti. È chiaro, però, che è veramente improbabile che non sia così». E sull'ex candidato dell'altra faccia del centrodestra, quella rappresentata da Forza Italia, Lega e autonomisti, che di recente ha unito le forze con Lagalla e i suoi, il vicepresidente del Senato non ha dubbi: «Ha fatto bene a scegliere la via dell'unità del centrodestra, di sicuro avrà un ruolo che sarà pari a quello di Varchi». 

Nel dibattito non poteva rimanere fuori anche l'altro grande tema caro a Fratelli d'Italia, la ricandidatura di Nello Musumeci alle prossime elezioni regionali. Anche in questo caso alla cautela di Lagalla si oppone la fermezza di La Russa. «La mancata ricandidatura di Musumeci? È un'ipotesi che non prendo neanche in considerazione, si tratta di un'opzione che non esiste. È stato bello vedere anche oggi il presidente e Lagalla insieme, pensiamo che sia il miglior candidato possibile, insieme a Musumeci per la presidenza della Regione, per la vittoria», dice il braccio destro di Giorgia Meloni. «Noi siamo sempre stati al fianco del presidente Musumeci - commenta Lagalla - È chiaro che alcuni partiti della coalizione che mi sostiene hanno espresso delle riserve in merito, affronteremo anche questo discorso, partendo comunque col favorire l'opzione di puntare al presidente uscente». «Con il nostro governo abbiamo avviato tante opere strategiche su Palermo - dice da par suo Musumeci - Spero di poterne tagliare il nastro al fianco di Lagalla».

Spazio anche alla recente bufera che ha investito il presidente dell'Assemblea regionale Gianfranco Miccichè, che in un'intervista al quotidiano La Stampa avrebbe definito Nello Musumeci «un fascista», fatto poi smentito dallo stesso coordinatore regionale di Forza Italia. «Non credo che Miccichè abbia però pronunciato quelle parole - replica Musumeci - Stiamo parlando del capo che ha quattro assessori nel mio governo. Contatterò La Stampa, perché non si possono manipolare così certe dichiarazioni». E a chi gli chiede se abbia ricevuto un messaggio da parte di Miccichè, il governatore risponde: «Ho controllato, non mi è arrivato niente». «È arrivato a me - replica La Russa - Mi ha anche chiamato. Non crediamo a queste cose. La sua riconferma a presidente dell'Ars? Decideranno gli elettori».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×