Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Salta l'ennesimo tentativo di accordo, Cascio va avanti
«Se qualcuno confonde disponibilità con ritiro sbaglia»

Il vertice di coalizione all'assemblea regionale si chiude all'insegna del nervosismo. Il candidato di Forza Italia resta in corsa, complice forse qualche parola di troppo di Lagalla o dei suoi, che ha minato un clima all'inizio disteso

Gabriele Ruggieri

Si era partiti dall'ottimismo del pomeriggio, si chiude all'insegna del nervosismo il tentativo - l'ennesimo - di riunire il centrodestra. L'unica cosa certa, alla fine della giornata, è che Francesco Cascio resta in corsa come candidato a sindaco di Palermo. «Se qualcuno confonde la disponibilità al confronto con un ritiro sbaglia strada», dice l'ex presidente dell'Assemblea regionale, che proprio a palazzo dei Normanni ha preso parte a un vertice in serata insieme all'autonomista Roberto Di Mauro, all'ex ministro Saverio Romano, all'ex deputato Antonello Antinoro e a Gianfranco Miccichè, deus ex machina dell'incontro, imbastito subito dopo lo scambio di comunicati con sbandierate intenzioni di apertura da parte di Cascio e dell'avversario interno al centrodestra Roberto Lagalla. Assente la Lega.

Tutto faceva pensare a un passo di lato, come tanto si usa dire oggi, di Cascio in favore dell'ex rettore. «Cascio non si ritira, neanche morto», dice un Miccichè visibilmente innervosito all'uscita dal vertice insieme al candidato. L'attuale presidente dell'Ars fa poi riferimento a un comunicato di Lagalla o a un messaggio «mandato ai suoi» e ad alcuni giornali che davano già il ritiro del candidato forzista come cosa fatta. A inasprire il dialogo anche un'altra nota, di Giampiero Cannella, coordinatore di Fratelli d'Italia, che diceva «se avessimo tenuto conto esclusivamente di quello che dice Gianfranco Miccichè non avremmo mai trovato la sintesi sul professore Lagalla da offrire a tutta la coalizione di centrodestra». 

Durante l'incontro è arrivato anche un altro candidato sindaco in quota centrodestra, Totò Lentini. «Mi hanno convocato, magari vogliono ritirarsi e appoggiare me», dice il parlamentare regionale, che però ha lasciato il vertice dopo una manciata di minuti, evidentemente senza esito. Alla fine la partita resta comunque aperta, con tanto di nota conciliante da parte di Forza Italia. «I partiti apprezzano l'apertura di oggi - dice ancora Miccichè - Ma non accettiamo condizionamenti per un ritiro di Cascio».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×