A Villa Trabia 300 studenti per la festa dell’Europa
Marano: «Scambi pedagogici per i nostri insegnanti»

Antonella Lombardi

Cronaca – Tante le associazioni del volontariato che si sono date appuntamento in centro. Concerti, laboratori didattici sull'Unione Europea, buone pratiche con i tanti bambini che hanno affollato gli spazi verdi. «I bambini si sentono già cittadini europei» dice l'assessora alla Scuola e alle Politiche giovanili

Dalle associazioni a sostegno dei disabili alla pet therapy, dalle iniziative sugli orti urbani sociali fino all’impegno antimafia. Il mondo delle associazioni e del volontariato si è dato appuntamento a Villa Trabia per la festa dell’Europa con oltre 300 studenti di sette scuole, primarie e secondarie. Concerti, laboratori didattici sull’Europa, buone pratiche con i volontari delle associazioni hanno animato l’iniziativa organizzata a Palermo da Euromed Carrefour Sicilia Antenna Europe Direct.

A Villa Trabia la diciannovesima edizione della manifestazione che ribadisce il comune sentire europeo.

A Villa Trabia la diciannovesima edizione della manifestazione che ribadisce il comune sentire europeo.

A Villa Trabia la diciannovesima edizione della manifestazione che ribadisce il comune sentire europeo.

A Villa Trabia la diciannovesima edizione della manifestazione che ribadisce il comune sentire europeo.

A Villa Trabia la diciannovesima edizione della manifestazione che ribadisce il comune sentire europeo.


Tra i presenti anche Giovanna Marano, assessore alla Scuola e alle Politiche giovanili al Comune di Palermo. «I piccoli si rivelano i più sensibili a un’idea più inclusiva e concreta di coesione sociale, i bambini si sentono già cittadini europei - ha detto l'esponente della giunta Orlando -, l’Unione ci ha indicato come decisiva per la formazione la fascia d’età che va da zero a sei anni. Stiamo lavorando alla possibilità di offrire scambi pedagogici in altre realtà e Paesi per il nostro personale educativo, vorremmo poter realizzare per loro un Erasmus Plus». 

«Organizziamo ormai da 19 anni a Palermo la festa dell’Europa che dovrebbe essere in realtà la festa di tutti - ha detto Simona Chines, direttore dello sportello Europe Direct - nelle scorse edizioni abbiamo allestito la ‘settimana d’Europa’ con seminari, attività e convegni diretti per più giorni a target trasversali, dai più giovani agli anziani, speriamo di tornare presto a questa ipotesi di lavoro».