Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Sequestrata l'ex villa liberty Deliella, era un autolavaggio
M5s: «Dopo 60 anni la legalità ha preso il sopravvento»

A eseguire l'operazione, in un'area di 1700 metri quadrati tra via delle Croci e via Castriota, i nuclei tutela patrimonio artistico e di protezione ambientale della polizia municipale. Sollecitati dal gruppo consiliare pentastellato, che aveva fatto due richieste di accesso agli atti nel novembre 2017

Redazione

«Per la prima volta in 60 anni la legalità sembra avere il sopravvento sul degrado». Il commento del M5s Palermo giunge dopo la notizia di questo pomeriggio con la quale si è appreso del sequestro dell'ex villa Deliella, diventata negli anni un autolavaggio abusivo. Fino al 1959 al suo posto c'era uno dei gioielli liberty di Palermo, abbattuto in una notte con l'avallo del Comune. Fu uno degli episodi più emblematici del sacco di Palermo. Al posto della villa è poi nato un autolavaggio: conosciuto da tanti soprattutto per il parcheggio attinente. Anche per questa attività mancavano le autorizzazioni.

Il sequestro sia penale che amministrativo è stato eseguito dai nuclei tutela patrimonio artistico e di protezione ambientale della polizia municipale. A un controllo il titolare ha esibito certificazioni scadute. Non aveva neppure la cosiddetta Aua, cioè l'autorizzazione unica ambientale, indispensabile per l'autolavaggio. L'area, estesa circa 1.700 metri quadrati, si trova tra via delle Croci e via Castriota. Malgrado l'abbattimento della villa, progettata da Ernesto Basile nel 1898 e completata tra il 1907 e il 1908, nell'area è presente un fabbricato storico residuo a due piani che costituiva verosimilmente la casa del custode del vecchio edificio. I tecnici della soprintendenza ai Beni culturali hanno trovato tratti originali della cancellata in ferro battuto decorato, tratti di muratura perimetrale che presenta la rifinitura sommitale, elementi lapidei posti alla base sul lato esterno, due piloni angolari, tre ficus e due palme compatibili con l'epoca di impianto del giardino. Dentro l'area erano custoditi circa quaranta veicoli privati che saranno restituiti ai proprietari. L'abbattimento di villa Deliella venne deciso in poche ore e suscitò durissime polemiche politiche che presero di mira soprattutto l'indirizzo dell'espansione edilizia di Palermo adottato dall'assessorato comunale guidato da Vito Ciancimino. Del caso di villa Deliella si occupò anche la prima Commissione antimafia.

Esulta soprattutto il gruppo consiliare pentastellato, che aveva inoltrato lo scorso 28 novembre due richieste di accesso gli atti. «La prima - rende noto il M5s Palermo - era indirizzata agli uffici tecnici, per conoscere i documenti relativi agli eventi del 1959 e al progetto commissionato nel 1989, dall'amministrazione Orlando, all'architetto Mario Botta e rispetto alla quale, nonostante siano abbondantemente trascorsi i termini di legge per fornire le risposte, non abbiamo ricevuto alcun riscontro. La seconda richiesta è stata indirizzata allo Sportello Unico delle Attività Produttive. Si chiedeva la documentazione che autorizzi il parcheggio, che dovrebbe essere annualmente rinnovata, in deroga alla previsione urbanistica che destina l’area a “attività museale, culturale e espositiva". Dall’analisi della documentazione ricevuta in riscontro alla nostra richiesta è emerso che l'ultima autorizzazione per il parcheggio autolavaggio scadeva a giugno del 2017 e il 7 dicembre il gruppo ha inoltrato richiesta di verifica alla polizia municipale».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×