Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Mafia, un processo per i quattro delitti di Carini
Teste ci ripensa: «Non vidi nessuno quel giorno»

In aula oggi a Palermo gli omicidi avvenuti tra il '99 e il 2000. Sentito dalla seconda corte d'assise il cognato di Giuseppe Mazzamuto, una delle vittime sul cui omicidio ha fatto luce il pentito Nino Pipitone, che oggi ha fatto marcia indietro rispetto a quanto detto 17 anni fa: «Posso solo dire che era una Fiat Uno, non che fosse la sua»

Silvia Buffa

«Io ho visto attipo un’ombra, forse c’era qualcuno a lato». Diceva così agli inquirenti Salvatore Gelardi all’indomani della scomparsa del cognato, Giuseppe Mazzamuto. Dichiarò che quel giorno, era il 26 aprile 1999, le loro auto si incrociarono all’altezza della Maia, un'azienda di Carini che all’epoca vendeva trattori e mezzi agricoli, chiusa un paio di anni fa. Ma fu un attimo, il tempo di scambiarsi un colpo di clacson. Davanti ai giudici della seconda corte d’assise di Palermo, però, oggi il suo racconto di quel pomeriggio s’è fatto più incerto, complici anche i 17 anni trascorsi. Un unico processo per quattro delitti in realtà: a quello di Mazzamuto, infatti, si aggiunge quello di Antonino Failla - secondo i racconti del pentito Nino Pipitone i due sarebbero stati uccisi insieme a una riunione di mafia, poi chiusi dentro un’automobile successivamente schiacciata, ridotta a un cubo di lamiere e poi seppellita - e quelli di Francesco Giambanco, strangolato, e di Giampiero Tocco, rapito davanti alla figlia di sette anni, poi strangolato e disciolto nell’acido.

In mezzo ai «Non ricordo» di Gelardi però, c’è spazio anche per quella che sembra quasi una marcia indietro. E sul fatto o meno che accanto al cognato potesse esserci qualcuno sulla sua Fiat Uno adesso mette le mani avanti. «Non ho visto nessuno accanto a lui quel giorno in macchina», dice al pm Roberto Tartaglia. Intanto gli avvocati difensori, che gli ricordano quanto dichiarato invece nel ’99, a quattro giorni dalla scomparsa del cognato lo mettono alle strette. I carabinieri lo convocano per mostrargli un’auto abbandonata e carbonizzata in contrada Roccarossa a Carini e rispetto a quell’episodio le sue parole sono ben diverse: «Ho riconosciuto la vettura immediatamente per via di alcune ammaccature sulla fiancata destra, un faro destro anteriore legato con un filo di ferro e altre ammaccature nel cofano. Senza ombra di dubbio quella è l’auto di mio cognato», sono le sue parole nel 1999. «L’ho riconosciuta come una Fiat Uno, e basta, altro non so», dice invece oggi sul banco dei testimoni.

Mentre parla, le discrepanze con la versione rilasciata diciassette anni prima continuano. E se nel ’99 i loro rapporti erano così frequenti che i due spesso mangiavano insieme, oggi anche su questo punto il racconto del teste appare diverso: «U virieva ‘na vota tanto, “come stai e come non stai", così. Non avevo molta confidenza con lui, era fratello di mia moglie e tra loro non c’era un buon rapporto, non si vedevano spesso». Prima di lui a testimoniare è Fabiola Raffagnino, vedova di Failla, sparito lo stesso giorno di Mazzamuto. «L’ultima volta che l’ho visto era proprio il 26 aprile ’99, fino a dopo pranzo, erano circa le 14.30. Poi è uscito come di consueto per andare in campagna a dare da mangiare agli animali. Non l’ho più visto né sentito», racconta la donna. Quel giorno, quando a pomeriggio inoltrato non lo vede arrivare, inizia a cercarlo al telefono, ma il marito non risponde.

Il cognato, Vito Failla, va a cercarlo in campagna, ed è lì che trova l’auto parcheggiata del fratello. «Appariva tranquillo, ma è andato a controllare lo stesso perché ha capito che ero molto preoccupata - continua la donna -. Il mio primo pensiero onestamente fu che lo avessero arrestato, che magari si trovasse in qualche commissariato. Ho chiamato il nostro avvocato, ma non risultava nessun arresto. L’ho aspettato fino a tarda sera. Quasi subito ho saputo anche di Pippo - (Mazzamuto ... ndr) - che anche lui non si trovava, era un cugino alla lontana della madre di mio marito, erano in buoni rapporti ma non credo che lavorassero insieme». Si continueranno a sentire i testimoni dell’accusa alla prossima udienza, fissata a maggio

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×