Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Sulla sparatoria di Macerata Orlando contro Salvini
«Per chi giustifica razzismo limite a libertà di parola»

Dopo il raid razzista avvenuto nel Come marchigiano ad opera del fascista Luca Traini, il sindaco della città dell'accoglienza prende posizione contro il segretario della Lega Nord, che aveva scritto che sarebbe «l'immigrazione fuori controllo» a portare allo scontro sociale

Redazione

Foto di: MeridioNews

Foto di: MeridioNews

«C'è un limite alla libertà di parola, quando un politico commenta un tentato omicidio per di più a sfondo razziale giustificando l'attentatore piuttosto che esprimendo solidarietà con le vittime. In tanti hanno sottovalutato il ritorno dei fascismi e confuso la democratica libertà di espressione e azione politica con l'impunità di comportamenti che sono e restano solo criminali». 

Il sindaco di Palermo Leoluca Orlando prende posizione sul raid razzista che ha sconvolto l'Italia. Il 28enne fascista Luca Traini, che ha gettato nel panico il Comune marchigiano sparando alcuni colpi di pistola dalla propria auto e ferendo sei persone, tutti stranieri, ha un passato da candidato con la Lega Nord al consiglio comunale di Corridonia.

E forse proprio per questo il segretario del partito Matteo Salvini aveva in un primo commentato, subito dopo l'arresto del giovane (il post ora è scomparso dalla pagina Facebook ... ndr), che «chiunque spari è un delinquente, a prescindere dal colore della pelle» e che in ogni caso «è chiaro ed evidente che un'immigrazione fuori controllo, un'invasione come quella organizzata, voluta e finanziata in questi anni, porta allo scontro sociale». Parole già condannate in lungo e largo, compreso il primo cittadino della città che ama definire la capitale dell'accoglienza

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×