Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Orlando riunisce forze di maggioranza
Ma nel Pd non mancano mal di pancia

Il sindaco ha riunito stamane i consiglieri dei partiti di coalizione per il punto sui prossimi interventi dell'azione amministrativa. Ma tra gli alleati non sono macanti i mugugni, in particolare tra i democratici

Redazione

«Ho ritenuto opportuno un incontro con tutti i consiglieri comunali di maggioranza e i componenti della Giunta per impostare il lavoro del prossimo anno che abbia come punto di riferimento il proseguo del positivo e peculiare cammino di rinascita e cambio culturale della città di Palermo». Così il sindaco di Palermo Leoluca Orlando riferendosi alla riunione che si è svolta stamane a cui hanno preso parte la giunta comunale e i consiglieri di maggioranza. L'occasione per fare il punto dopo la nomina del nuovo segretario generale, la riorganizzazione degli uffici e la relativa nomina dei dirigenti: fra i temi affrontati, il piano regolatore generale, le pedonalizzazioni, le aziende partecipate, il bilancio e il sistema delle entrate, la regolamentazione dei mercati, il rafforzamento delle Circoscrizioni, la cultura dell'accoglienza.

Particolare attenzione è stata dedicata al tema del personale, per il quale il sindaco ha chiesto al presidente del Consiglio, Salvatore Orlando, la convocazione di un apposito momento assembleare nel prossimo mese di gennaio. «Tutte iniziative - ha continuato il sindaco - volte a rafforzare e promuovere i processi di sviluppo della città, che vivono una nuova stagione legata alla nuova attrattività internazionale e ai rilevantissimi flussi turistici che stanno profondamente cambiando l'immagine della città ma anche la vivibilità e la qualità della vita a Palermo».

L’incontro di oggi, tuttavia, ha suscitato alcuni malumori, in particolare tra le forze di maggioranza. Tra i dem, ad esempio, non è piaciuta la scelta di convocare anche i consiglieri di maggioranza, tagliando fuori i vertici di partito e i presidenti di circoscrizione, come sottolinea Fabio Teresi. «Considero la riunione di maggioranza convocata dal Sindaco di Palermo un errore di forma e di sostanza - dice Teresi presidente della V circoscrizione e componente della direzione regionale del Pd - A sei mesi dalle elezioni amministrative avrei ritenuto utile che questo appuntamento fosse costruito in sinergia con le forze politiche e servisse a fare un ‘tagliando’ sull’azione amministrativa magari partendo dai temi che hanno caratterizzato il dibattito cittadino in queste settimane». 

Sebbene Teresi punti il dito contro il primo cittadino, reo di aver «costruito un perimetro» rivolto ai soli consiglieri comunali escludendo i vertici dei partiti e, per quel che mi riguarda, i presidenti delle circoscrizioni, il vero obiettivo sembra il suo parito. Le responsabilità sono anche delle forze politiche ribadisce, «a cominciare dal mio partito, che col silenzio e con la partecipazione dei consiglieri Pd a questa riunione hanno legittimato questo metodo. Ritengo che sarebbe stata utile una riunione preventiva e costruire una posizione condivisa: ma, evidentemente, il Pd a Palermo non esiste più».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×