Chiudi ✖
15

Basket, Eagles torna alla vittoria
Or.Sa Barcellona battuta 60-80

Luca Di Noto

Sport – Settimo successo per i biancorossi di coach Priulla, che riconquistato il secondo posto solitario in classifica. La squadra palermitana conduce per tutto l’arco della gara, senza mai consentire ai messinesi di tornare in partita

L’Eagles di coach Priulla reagisce prontamente alla sconfitta della scorsa settimana imponendosi in casa dell’Or.Sa Barcellona, sconfitta per 60-80 dai palermitani. Per la squadra biancorossa si tratta del settimo successo stagionale che vale il secondo posto solitario, anche in virtù della sconfitta del Basket School Messina a Giarre. La vetta, sempre occupata da un Alfa Catania che non conosce sconfitte, dista ancora sette punti.

Avvio perentorio da parte dei biancorossi, che nel primo quarto realizzano ben 24 punti contro i sette della squadra di casa. Coach Priulla ruota tutti gli uomini a propria disposizione, ma i messinesi, nonostante una reazione d’orgoglio più che comprensibile nel secondo periodo, non riescono a contenere i palermitani che a metà gara hanno già quasi ipotecato la vittoria, arrivando all’intervallo lungo in vantaggio per 25-47.

I biancorossi nella ripresa possono così gestire e amministrare il punteggio con tranquillità, giocando anche col cronometro. I padroni di casa non riescono praticamente mai a ridurre il gap sotto i venti punti. Sugli scudi Vranjkovic e Dragna, autori di due ottime prove e di 16 punti a testa. In doppia cifra anche Tinto, Giardina e Listwon (18 punti per lui), mentre nel finale ha accumulato minuti importanti e un po’ d’esperienza anche il giovane Palmisano.

Or.Sa Barcellona-Eagles Basket Palermo 60-80
Parziali
: 7-24, 18-23, 15-17, 20-16

Or.Sa Barcellona: Salvatico 5, Comelli 3, Mustacchio 7, Cuius, Brusca 8, Stakic, Vavoli 5, De Simone 5, Floramo 2, Cortina 9, Granic 14, Duranovic 2.

Eagles: Tinto 10, Giardina 11, Listwon 18, Jurkaitis 5, Bruno 2, Vranjkovic 16, Tagliareni 2, Palmisano, Dragna 16.

Arbitri: Federico Puglisi di Aci Catena (CT) e Luca Moschitto di Catania