Chiudi ✖
15

Cosa nostra, omicidio allo Zen
Dopo 18 anni arrestati i killer

Redazione

Cronaca – Secondo gli inquirenti, a sparare furono due esponenti mafiosi, Vincenzo Pipitone e Gaspare Di Maggio, per ordine dei reggenti dell’epoca del mandamento di San Lorenzo, Salvatore e Sandro Lo Piccolo. Guarda il video

Dopo 18 anni i carabinieri hanno arrestato i killer di Felice Orlando, ucciso il 17 novembre del 1999 all’interno della propria macelleria nel quartiere Zen di Palermo. Secondo gli inquirenti, a sparare furono due esponenti mafiosi, Vincenzo Pipitone, 61 anni, e Gaspare Di Maggio, 56 anni, per ordine dei reggenti dell’epoca del mandamento mafioso di San Lorenzo, Salvatore Lo Piccolo e del figlio Sandro

La svolta nelle indagini, sostengono gli inquirenti, sarebbe avvenuta grazie alle dichiarazioni del neo collaboratore di giustizia Antonino Pipitone, considerato uomo d'onore della famiglia mafiosa di Carini, e a quelle dell'altro collaboratore Gaspare Pulizzi.

Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, infatti, Orlando fu eliminato per volontà dei Lo Piccolo - entrambi già condannati in primo grado, alla pena dell’ergastolo, quali mandanti del grave fatto di sangue - perché, leggendo il contenuto di intercettazioni di precedenti attività d’indagini, hanno scoperto che la vittima aveva utilizzato nei loro confronti espressioni dispregiative e manifestato l’intenzione di assumere un ruolo apicale nelle dinamiche mafiose del quartiere Zen di Palermo.