Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Ex Provincia, meno 65 milioni con il prelievo forzoso
«Ci occupiamo di scuole e strade ma ente al collasso»

Protesta davanti alla Prefettura indetta dai sindacati della funzione pubblica di Cgil, Cisl e Uil. Le spese correnti, ad oggi, ammontano a 95 milioni di euro. Un documento fotografa la situazione economica critica dovuta all'accavallamento di normative nazionali e regionali

Manlio Melluso

«Cosa è cambiato con il passaggio da Provincia a Città Metropolitana? Le intestazioni alle porte degli uffici». Questa è la battuta di un funzionario di Palazzo Comitini che, insieme a qualche decina di colleghi, è sceso in piazza, davanti alla Prefettura, per protestare contro il prelievo forzoso che lo Stato ha imposto, con legge Delrio, alle Province, alle Città Metropolitane e ai Consorzi di Comuni. Prelievo forzoso che negli anni è aumentato esponenzialmente, circa un miliardo nel 2014, due nel 2015 e tre nel 2016. Tutto ciò, lamentano i sindacati, non ha fatto altro che indebolire la già poco florida situazione degli enti sovra-comunali. 

All'ex Provincia di Palermo, in particolare, le spese correnti ammontano a 95 milioni di euro. Il prelievo forzoso da parte dello Stato, invece, è quantificabile in 65 milioni di euro. Ma non si tratta soltanto di una questione di soldi: la riduzione degli organici a Palazzo Comitini ha comportato un calo dei dipendenti, dal 2015 al 2017, che da 1300 unità sono passati a 800. La spesa per il personale è di 34 milioni di euro. A tutto ciò si vanno ad aggiungere sanzioni per 25 milioni di euro.

«Gli enti sovra-comunali, che siano Province, Città metropolitane o consorzi di Comuni, sono al collasso - dice Saverio Cipriano, della Funzione Pubblica Cgil e Rsu all'ex Provincie di Palermo - Noi offriamo servizi ai cittadini, ci occupiamo di scuole, strade e altro, si dovrebbe tenere conto di questo. L'accavallamento di leggi nazionali, come la Delrio, e di regionali - continua il sindacalista - ha creato una gran confusione. Da parte nostra chiediamo l'abolizione del prelievo forzoso».

Le sigle sindacali dei lavoratori pubblici di Cgil, Cisl e Uil hanno predisposto un documento che è stato consegnato al Prefetto per sottolineare come, appunto, la confusione legislativa venutasi a creare, con l'accavallamento di normative nazionali e regionali, stia determinando una gravissima situazione economica per il mancato trasferimento delle risorse, in particolare dalla Regione.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×