Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Pagliarelli, ubriaco sfonda cancello secondario
Nessun allarme: «Di là si va all’aula bunker»

Sono rassicuranti i toni della responsabile della struttura carceraria, che la definisce solo una questione amministrativa: «Il problema non è nostro, quell’area è a disposizione della Corte d’appello, che lì ha degli uffici». Intanto il varco lasciato dall’incidente è stato provvisoriamente chiuso con una transenna

Silvia Buffa

Foto di: Silvia Buffa

Foto di: Silvia Buffa

Un cancello sfondato in genere attira sempre l’attenzione di qualche curioso, specie se non si tratta di un recinto a protezione di un luogo in disuso e abbandonato, ma al contrario ampiamente vissuto. Ancora di più, forse, se è predisposto a protezione di una struttura carceraria. Così, se percorrendo la strada statale 624, la cosiddetta Palermo-Sciacca, o la via parallela che nell’ultimo tratto la costeggia, non allarmatevi se vedrete uno dei cancelli del Pagliarelli sfondato. Corrisponde, infatti, a un ingresso secondario, che non è collegato alla casa circondariale, ma alle aule in cui si celebrano i processi.

«È ridotto in queste condizioni per via di una persona in stato di ebbrezza che si è schiantata con la macchina sul cancello e l’ha danneggiato», spiega la responsabile della struttura Francesca Vazzana. «Oltrepassando questo cancello si entra in una zona separata del carcere e gestita dal tribunale di Palermo - chiarisce subito - Percorrendo questo tratto si arriva all’aula bunker, dove si celebrano in genere grossi processi, e ad altre aule». Il cancello, di un giallo acceso come l’intera ringhiera che recinta la struttura carceraria, risulta danneggiato solo nella parte in fondo dell’anta destra, che adesso non si chiude più. Il varco in questi giorni è stato provvisoriamente bloccato da una transenna, mentre a presidio dell’area restano comunque le telecamere di videosorveglianza.

«Non è nostro quel cancello, quindi non è nostro il problema - puntualizza ancora la direttrice - È a disposizione del tribunale e in particolare della Corte d’appello, che proprio lì ha degli uffici», come si evince anche dalla targa in ottone apposta accanto al cancello a indicare l’ingresso alla cosiddetta Aula grandi processi, intitolata al giurista romano Vittorio Bachelet, ucciso negli anni ’80 dalle Brigate rosse. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×