Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Caso Figuccia, Mineo passa al contrattacco
«Non c'è nessuna rivolta nel nostro partito»

Il consigliere comunale, anche lui annoverato tra i giovani amministratori locali di Forza Italia, non fa sue le dichiarazioni polemiche del deputato regionale. «Bisogna restare uniti e non muovere inutili anatemi per un po' di notorietà»

Gabriele Ruggieri

Tutto tranquillo tra i giovani di Forza Italia. Almeno a Palermo. La pensa così Andrea Mineo, consigliere comunale del capoluogo di regione, che in Sala delle Lapidi occupa i banchi del gruppo abbandonato già dopo la prima seduta da Sabrina Figuccia. Azione che era solo il preludio per l'invettiva del fratello deputato regionale, Vincenzo, che si è fatto capitano dei malumori in ambiente forzista dell'intera famiglia, in particolare nei confronti del luogotenente di Silvio Berlusconi in Sicilia, Gianfranco Micciché, impegnato nel delineare le strategie di partito per le prossime Regionali.

«Non mi risulta che al momento ci siano delle rivolte o scontri generazionali all'interno del nostro partito - dice Mineo - Affermo ciò con grande serenità e mi sento di rappresentare le decine di giovani amministratori locali eletti o rieletti con Forza Italia, i quali riconoscono la leadership e l'infaticabile lavoro profuso negli ultimi due anni dal commissario Micciché, volto a rivitalizzare il nostro partito».

«Appare troppo facile - continua il consigliere - muovere delle critiche al lavoro che tutti noi abbiamo fatto per le amministrative di Palermo, da parte di chi, famiglia Figuccia in primis, non ha mosso un dito per la costruzione delle liste nel capoluogo, approfittando invece della preferenza di genere e preferendo siglare svariate comode intese con i candidati di sesso maschile. Se si hanno davvero a cuore le sorti del nostro partito bisogna lavorare affinché si resti uniti, e non muovere inutili anatemi volti semmai a conquistare un po di notorietà».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×