Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Sempre più giovani si dedicano all'agricoltura
«C'è chi lascia la banca per lavorare la terra»

«Ci sono diversi settori di nicchia molto interessanti, come il recupero dei grani antichi o dedicarsi al biologico», spiega Angelo Forgia della Cia regionale. Un'attrattiva per tanti ragazzi in tempi di crisi e di ritmi di vita frenetici. Ma diventare imprenditori non è facile e «in questo settore bisogna essere ancora più coraggiosi»

Stefania Brusca

Durante gli anni della crisi economica alcune professioni tradizionali sono emerse più delle altre. E se tanti giovani ambiscono a lavorare come chef nel sempreverde settore della ristorazione, oggi si fa strada sempre di più anche chi produce le materie prime che poi finiscono sulle nostre tavole. Coltivare la terra è diventato un privilegio oltre che una risorsa fondamentale per chi vuole uscire da una situazione di difficoltà economica che va avanti ormai da anni. «C'è un grande interesse da parte dei giovani verso diversi settori di nicchia - conferma l'agronomo Angelo Forgia, della Cia regionale - come per esempio il recupero di grani antichi o dedicarsi all'agricoltura biologica. Sempre più ragazzi si rivolgono a questo settore come scelta di vita: c'è chi lascia un lavoro sicuro, come ad esempio un impiego in banca, per ritornare alla terra».  

La confederazione agricoltori italiani svolge un'attività di supporto in questo senso. E all'interno dell'organizzazione è nata anche Agia, una sezione espressamente dedicata ai giovani dai 18 ai 39 anni e che ha come scopo aiutarli a entrare in questo mondo. Tra i requisiti necessari per accedere c'è «il possesso di una qualifica tecnica, come ad esempio una laurea in Scienze agrarie o simili - spiega Forgia - ma, se si mette volontà e impegno, anche chi non possiede questi titoli può accedere attraverso un corso di formazione professionale specifico». 

Ma l'Agia si occupa anche di fornire supporto tecnico per quanto riguarda il bando regionale inserito nel piano di sviluppo rurale 2014-2020. Un modo per agevolare i giovani imprenditori a entrare nel mondo dell'agricoltura «anche se, a mio parere, non sarà sufficiente per inserire tutti coloro che vorranno usufruirne - continua l'agronomo Forgia -  perché non ci sono i fondi per tutti e verrà fatta una selezione». Il bando, inoltre, arriva con due anni di ritardo e quindi ci sarà meno tempo per potersi avvalere delle misure previste.  

Ad ogni modo, chi ce la farà potrà scegliere all'interno di un settore vastissimo. Perché il territorio del Palermitano è un'area «in cui si può produrre di tutto». «La provincia si estende dalle Madonie ai confini del Trapanese, vicino Alcamo, per non dire del Corleonese - spiega Forgia - Qui si trovano diverse tipologie di coltivazioni, dal grano alle nocciole, dall'uva fino alle ciliegie nella zona di Chiusa Sclafani». E sebbene i racconti degli agricoltori non lascino immaginare un roseo futuro di guadagni, secondo la confederazione non bisogna lasciarsi abbattere: «Fare l'imprenditore non è facile e in questo campo in particolare si deve essere più coraggiosi, perché ci sono le incognite legate al clima o alla mancanza d'acqua che possono incidere sulla produzione». 

Come in tutti i campi, però, anche in questo sembra esserci una formula vincente: «Ci sono tanti ragazzi che si distinguono e che lavorano per recuperare quell'agricoltura che si lega strettamente alla dieta mediterranea. Certo, non possiamo competere con le quantità o con le multinazionali, ma se riusciremo a valorizzare i prodotti che fanno parte di questo tipo di alimentazione potremo comunque stare sul mercato - conclude Forgia -. Noi possiamo puntare sul fatto che il consumatore riconosce il nostro come prodotto di qualità, come fosse una firma».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×