Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Presidente del Senato Grasso ricorda Boris Giuliano
«Un poliziotto dal raffinatissimo fiuto investigavo»

Queste le parole della seconda carica dello Stato su Facebook del capo della squadra mobile di Palermo, assassinato da Cosa nostra il 21 luglio del 1979, nel 38esimo anniversario del suo vile omicidio. Guarda le foto

Antonio Mercurio

Foto di: Alessia Franco

Foto di: Alessia Franco

«Leoluca Bagarella aspettò pazientemente che si voltasse per pagare il caffè: solo allora lo freddò con due colpi alla schiena. Morì così Boris Giuliano, un poliziotto eccezionale che aveva capito Cosa nostra quando ancora era misteriosa e impenetrabile». Questo il ricordo del presidente del Senato Pietro Grasso su Facebook di Giorgio Boris Giuliano, capo della squadra mobile di Palermo, assassinato da Cosa nostra il 21 luglio del 1979, nel 38esimo anniversario del suo vile omicidio, freddato alla spalle dal boss Bagarella dentro il bar Lux di via Federico Paolo Di Blasi nel capoluogo siciliano.

Stamane, come ogni anno, la Questura di Palermo ha ricordato la tragica uccisione con una deposizione di una corona di alloro sul luogo dell’omicidio e a seguire una messa celebrata nella Cappella della Soledad di Piazza della Vittoria. Presenti al cerimonia, tra gli altri, oltre alla famiglia Giuliano, il questore Renato Cortese e il sindaco di Palermo Leoluca Orlando. 

«Ricordo il suo raffinatissimo fiuto investigativo e l'ammirazione che suscitava nei colleghi e nei cittadini della nostra Palermo - scrive ancora su Facebook la seconda carica dello Stato - La prima volta che lo incontrai era il 1970, ci ritrovammo nella stanza del Giudice Terranova. Seppe sciogliere, con gentilezza e simpatia, la mia naturale tensione: in fin dei conti all'epoca avevo 25 anni, ero solo un giovanissimo magistrato davanti a due grandi uomini dello Stato. È un ricordo - conclude - a cui sono molto affezionato e che mi emoziona sempre».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×