Goletta verde, ripulita la spiaggetta di Sant'Erasmo
A Romagnolo la conta dei rifiuti: «Numeri terribili» 

Stefania Brusca

Cronaca – Resi noti i dati di un monitoraggio della Beach Litter  lungo 100 metri di costa. Trovati 1392 cotton fioc, 363 salviette umide e 337 tappi di plastica. «C'è una parcellizzazione delle plastiche - dice il presidente Legambiente Sicilia -  che è perfino peggiore come incidenza sull'inquinamento». Guarda le foto

Si sono dati appuntamento sotto il sole cocente del 12 luglio gli ambientalisti di Legambiente in occasione della tappa palermitana di Goletta Verde hanno ripulito la spiaggetta di Sant'Erasmo, nell'ambito del progetto Clean Sea Life. «Si tratta di è un simbolo della città perché è dentro il centro storico - dice Gianfranco Zanna, presidente di Legambiente Sicilia -  dove domani libereremo una tartaruga come segno di rinascita, di una vita ferita del nostro mare che per fortuna si è salvata». Legambiente ha lanciato questa mattina, con un flash mob sulla spiaggia, la campagna#NoRifiutinelWC, sviluppata insieme a Ogilvy Change. Tre wc portati sulla spiaggia per spiegare ai cittadini l’importanza di piccoli gesti, come quelli di non usare i bagni di casa come cestini per l’immondizia.

Si inizia da un tratto di costa con l'intento di «fare da pungolo» e sensibilizzare così cittadini e amministrazione anche in direzione del rilancio della Costa Sud della città: «Innanzitutto bisogna avere rispetto - aggiunge Zanna - Molto devono fare le amministrazioni e quella di Palermo sappiamo vuole investire per per la rinascita di questa parte della città. Ma molto dobbiamo fare anche noi cittadini. Ci deve essere qualcuno che pulisce, ma se la costa viene rispettata anche da noi che ne dobbiamo fruire, allora forse facciamo tutti un'opera giusta nella stessa direzione. Va in questo senso anche la campagna di sensibilizzazione che stiamo portando avanti con Goletta Verde, per sensibilizzare i cittadini affinché non arrivino rifiuti nel mare, a partire dalle nostre case. Se noi buttiamo un bastoncino di cotton fioc dentro il water arriverà direttamente a mare».  

Gli ambientalisti non erano soli ma hanno lavorato insieme ai ragazzi che hanno partecipato al progetto del Coni Vincere da grandi. «Un progetto a indirizzo prevalentemente sportivo ma non ci fermiamo solo a quello - dice Alessandra Cesareo, membro del Cip insegnante di tennis tavolo - Si inseriscono in questo contesto temi come natura, ambiente e alimentazione sana. Il nostro progetto estivo durerà fino all'11 agosto ed è coinvolto il Coni e il Cip-comitato paralimpico. Si tratta di ragazzi e ragazze fino alla terza media. I ragazzi sono un centinaio e le attività si dislocano in due punti: il campo ostacoli della Favorita, che è stato riqualificato e la scuola dove si fa sport». 

È un tratto della Costa Sud che al momento non gode di ottima salute sotto il profilo ambientale, teatro anche di incertezze e dubbi anche riguardo alla balneabilità delle acque, come Romagnolo. Proprio nella spiaggia di Romagnolo il 20 aprile scorso gli ambientalisti del circolo Regionale di Legambiente e del circolo Lojacono, hanno effettuato un monitoraggio della Beach Litter (che indaga la quantità e la tipologia di rifiuti ndr) lungo 100 metri di costa. In particolare sono stati trovati tre prodotti: 1392 cotton fioc, 363 salviette umide e 337 tappi di palstica. Anche dal punto di vista dei rifiuti marini, secondo analisi di Goletta Verde, la percentuale maggiormente trovata è la plastica (90 per cento).  «Noi siamo andati in un pezzo della spiaggia di Romagnolo a contare i rifiuti e i numeri sono terribili. Perché oltre ai classici rifiuti abbandonati, come le bottiglie di plastica o di vetro - sottolinea Zanna - c'è una parcellizzazione delle plastiche, di quelle per uso domestico che sono perfino peggiori nella incidenza dell'inquinamento di quelli classici creano inquinamento alle acque e i pesci entrando così nel circuito dell'alimentazione». La due giorni di Goletta verde nel capoluogo regionale si concluderà domani, quando verranno presentati i dati dei monitoraggi di Goletta verde.