Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Brancaccio, spuntano decine di striscioni contro hotspot
Centri sociali: «Palermo non ha bisogno di nuove carceri»

Le scritte sugli striscioni sono inequivocabili e riferiscono della «totale opposizione alla decisione del ministero dell’Interno che ha stabilito, contro il volere dell’amministrazione comunale di Palermo, l'utilizzo di un’area per la realizzazione di un Hotspot, Il primo della nostra città», riporta una nota diffusa oggi

Stefania Brusca

Foto di: Centri sociali palermitani

Foto di: Centri sociali palermitani

I centri sociali di Palermo contro l'ipotesi hotspot in città, che diventa sempre più concreta dopo le nuove dichiarazioni del ministro Minniti. Questa mattina il quartiere Brancaccio si è svegliato con decine di striscioni, affissi dai giovani dei centri sociali in vari punti del quartiere e anche nell’area dove dovrebbe sorgere il centro di identificazione dei migranti, in un bene confiscato ai fratelli Graviano in viale Regione siciliana, a monte dello svincolo di via Oreto. Le scritte sugli striscioni sono inequivocabili e riferiscono della «totale opposizione alla decisione del ministero dell’Interno che ha stabilito, contro il volere dell’amministrazione comunale di Palermo, l'utilizzo di un’area per la realizzazione di un hotspot, Il primo della nostra città», riporta una nota dei centri sociali palermitani. 

«Gli hotspot sono strutture allestite per identificare rapidamente, registrare, fotosegnalare e raccogliere le impronte digitali dei migranti - continua la nota - che saranno trattenuti fino alla conclusione di tutte le operazioni di identificazione. La città di Palermo , dove drammatici sono i dati della disoccupazione e della emergenza abitativa, non ha bisogno di nuove carceri come gli hotspot ma di case e lavoro per i disoccupati».  Poi i centri sociali lanciano un appello ai palermitani e al Comune: «Invitiamo tutti i cittadini di Palermo, l’amministrazione comunale del sindaco Orlando, che si è espressa con chiarezza in maniera contraria, e tutti coloro che hanno a cuore il futuro della nostra città a resistere e lottare con ogni mezzo necessario contro questa ulteriore imposizione dello Stato italiano contro il nostro popolo».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×