Chiudi ✖
15

Comunali, Ciro Lomonte contro il Pride
«Una carnevalata offensiva per i gay»

Stefania Brusca

Politica – Non è passato molto tempo prima di registrare le prime reazioni. Uno degli ideatori della manifestazione e portavoce di Sinistra Comune su Fb:  «Caro Ciro, cos'hai contro le carnevalate? Cosa trovi di offensivo? E soprattutto, siete Siciliani Liberi... ma liberi da cosa? Sicuramente non dai pregiudizi»

Le elezioni amministrative a Palermo sono entrate nel vivo già da un po' ma adesso si registra un clima particolarmente acceso che si ripercuote sui toni della campagna elettorale. Mentre il candidato M5s Ugo Forello ha invitato uno dei suoi avversari a fare «un passo indietro» dalla corsa perché indagato per voto di scambio politico-mafioso, con un chiaro riferimento a Fabrizio Ferrandelli, cosa che nel tardo pomeriggio ha ribadito anche il sindaco uscente Leoluca Orlando definendo la vicenda «inquietante», l'aspirante primo cittadino de I siciliani Liberi, Ciro Lomonte, si dice contrario al Pride. «Trovo che il Gay Pride sia una carnevalata - ha detto -  offensiva nei confronti degli omosessuali. Se dovessi diventare sindaco di Palermo toglierei il patrocinio del Comune». Lo ha dichiarato durante la registrazione della trasmissione Sezione 13 che andrà in onda questa sera alle 21 sull'emittente tv Trm. 

Non è passato molto tempo e sono arrivate le prime reazioni: «Caro Ciro, per quanto sia improbabile che toccherà a te decidere sui patrocini, cos'hai contro le carnevalate? - scrive su Facebook Luigi Carollo, tra gli ideatori del Palermo Pride -  Cosa trovi di offensivo nel Pride? E soprattutto, siete Siciliani Liberi... ma liberi da cosa? Sicuramente non dai pregiudizi». 

E Sinistra Comune rincara la dose in una nota: «Le destre purtroppo continuano a raccontarsi in questa campagna elettorale ponendo l’accento su quello che escludono o che vorrebbero escludere, emarginare, ghettizzare. Qualche giorno fa è toccato ad Alamin, oggi è la volta del Palermo Pride».  «La nostra storia - proseguono i portavoce di Sinistra Comune - racconta un percorso di incontro e di valorizzazione delle differenze, di tutte le differenze. Sociali, culturali, religiose, di genere. Ed è il motivo per cui anche quest’anno torneremo in strada lungo il percorso del Palermo Pride, per rivendicare con maggiore forza la libertà di tutte e di tutti, a prescindere dall'orientamento sessuale. Con lo stesso spirito di inclusione che da sempre caratterizza il lavoro del coordinamento Pride».