Mafia, da Peschiera del Garda a Palermo
Torna l'auto della scorta al giudice Falcone

Redazione

Cronaca – Si chiama La memoria in marcia e l'iniziativa, organizzata dall'associazione Quarto Savona Quindici, prevede il trasferimento dell'autovettura di servizio su cui viaggiava Montinaro, poliziotto e capo scorta del magistrato

L'autovettura sulla quale viaggiava la scorta del giudice Giovanni Falcone tornerà a Palermo per il 25esimo anniversario della strage di Capaci. Si chiama la La memoria in marcia e l'iniziativa, organizzata dall'associazione Quarto Savona Quindici, in collaborazione con la polizia di Stato, prevede il trasferimento dell'autovettura di servizio su cui viaggiava Antonio Montinaro, poliziotto e capo scorta del giudice Falcone, da Peschiera del Garda a Palermo, per rendere omaggio alla sua memoria e a quanti persero la vita nell'attentato. 

La teca in cui è conservata l'autovettura, accompagnata dalla signora Tina Montinaro, moglie del poliziotto e Presidente dell'Associazione Quarto Savona Quindici e scortata dalla polizia, partirà il primo maggio da Peschiera del Garda e, lungo un percorso itinerante, farà tappa a Sarzana (SP), Pistoia, Riccione, Monte San Giusto (Macerata), Napoli, Vibo Valentia e Locri (RC), per giungere a Palermo il 23 maggio, data della ricorrenza dell'attentato al giudice Falcone e alla sua scorta. L'iniziativa verrà presentata oggi alle 11 alla Fiera del Libro di Milano, presso lo spazio dedicato alla rivista PoliziaModerna, mensile ufficiale della Polizia di Stato.