Scoperto un giro di prostituzione
Arrestato palermitano di 38 anni

Redazione

Cronaca Alle giovani straniere l'uomo avrebbe fornito comode garconniere ricavate in appartamenti presi in affitto, alcuni anche in zone residenziali cittadine e subaffittate alle donne che, oltre a pagare il canone mensile, avrebbero girato all’uomo una grossa fetta dei loro guadagni

La polizia ha arrestato Marco Cricchio, 38enne palermitano, ritenuto responsabile del reato di induzione, favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione. L'uomo ora si trova ai domiciliari. Le indagini, condotte dai poliziotti della Sezione investigativa del commissariato di P.S. “Libertà”, durate alcuni mesi, hanno registrato una costante e nutrita presenza di uomini nei pressi di alcuni edifici e, nello specifico, di alcuni appartamenti dislocati in distinte zone cittadine, immobili tutti riconducibili - riferisce la polizia - a un unico proprietario: Cricchio.

Gli approfondimenti investigativi hanno definito i contorni di un grosso giro di prostituzione realizzato attraverso lo sfruttamento di giovani ragazze provenienti esclusivamente dal Sud America. A prostituirsi erano sempre ragazze diverse. Questo secondo gli investigatori era per Cricchio, oltre che proficuo economicamente, anche una garanzia di riservatezza nei confronti di eventuali indagini delle forze dell’ordine.

Alle giovani straniere l'uomo avrebbe fornito delle garconniere ricavate in appartamenti presi in affitto, alcuni anche in zone residenziali cittadine e subaffittate alle donne che, oltre a pagare il canone mensile, avrebbero girato all’uomo una grossa fetta dei loro guadagni. Il contatto con l’utenza avveniva attraverso le bacheche di un sito internet per incontri, sulle quali venivano postati messaggi inequivocabili in ordine alla natura degli stessi. On line non veniva fornito l’indirizzo della casa dove si sarebbero consumati i rapporti, ma soltanto il contatto telefonico della donna straniera.

Solo dopo avere esaminato telefonicamente il cliente ed averne testato l’affidabilità, la straniera gli avrebbe fornito ogni indicazione (indirizzo della casa e costo della prestazione). Nel corso dell'inchiesta sono stati ascoltati numerosi clienti, tutti provenienti dal capoluogo e dalla provincia, appartenenti a diverse fasce sociali. La polizia ha così accertato che le prestazioni costavano da 40 a 100 euro. Ulteriori indagini sono in corso per accertare l’eventuale coinvolgimento nel giro di prostituzione di altre persone.