Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Rap, conferimento dei rifiuti a Motta S. Anastasia
«Si trovi alternativa per evitare dissesto azienda»

A denuciarlo è il segretario regionale della Fit Cisl Dionisio Giordano dopo la nuova ordinanza del Presidente Crocetta che impone all'azienda di conferire 300 tonnellate giornaliere del cosiddetto nella discarica catanese

Redazione

«Con la nuova ordinanza del Presidente Crocetta che impone alla Rap , a causa del rischio di saturazione della discarica di Bellolampo, di conferire 300 tonnellate giornaliere del cosiddetto sopravaglio, presso la discarica di Motta S. Anastasia di Catania, la frittata è fatta: con i costi di viaggio e di conferimento a carico della Rap, la Regione mette a rischio l'equilibrio economico finanziario dell'azienda». Ad affermarlo il segretario regionale della Fit Cisl Dionisio Giordano intervenendo sulla vertenza Rap. 

«L'amministrazione comunale non ha colto le ripetute sollecitazioni del sindacato sulla necessità di una strategia sulla dotazione impiantististica a Bellolampo e la Rap deve completare la predisposizione dei progetti per la nuova vasca - prosegue -. Lo avevamo annunciato già nel dicembre 2015, quando le ordinanze regionali imposero alla Rap di ricevere nella discarica di Bellolampo i rifiuti di circa 40 comuni della provincia, che il rischio di saturazione anticipata della discarica di Palermo avrebbe avuto ricadute economico-finanziarie sulla Rap con conseguenze sulla tenuta dei conti dell' azienda di piazzetta Cairoli, paghi il governo Crocetta la mancata infrastrutturazione della Sicilia in tema di rifiuti e non i lavoratori».

«Abbiamo ripetutamente sollecitato l' amministrazione comunale, la Rap ed il governo regionale - aggiunge Giordano - a guardare in prospettiva, fuori da logiche di contrapposizione politica, con il monito che eventuali effetti negativi non sarebbero dovuti ricadere sui lavoratori. Sia chiaro a tutti gli attori interessati che l'incapacità, l'assenza di una reale strategia verso il tema delicato e importante come quello dei rifiuti in Sicilia, le logiche di contrapposizione politico elettoralistica, non saranno certamente pagate dai lavoratori della Rap ed invitiamo con urgenza, governo regionale, comune di Palermo e azienda a trovare la soluzione che eviti un nuovo dissesto economico finanziario dell'azienda che certamente non vedrà i lavoratori spettatori passivi».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×