Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Movida selvaggia, l'altra faccia di piazza Olivella
«Altro che Bronx, qui vengono famiglie e bambini»

Non solo abusivismo, vandalismo e chiasso: nel centro storico c'è chi propone un'altra narrazione. E' il caso di Andrea Graziano, titolare da un anno e mezzo di un'attività di fronte la chiesa del quartiere. «La crisi si batte con la qualità e non lamentandosi»

Redazione

Da una parte bottiglie incendiarielettere di denuncia sull'abusivismo degli esercizi commerciali, degrado notturno. Ma piazza Olivella, più volte sotto le luci dei riflettori e citata come esempio di inciviltà e di movida selvaggia, non è solo questo. Almeno a sentire Andrea Graziano, titolare di Fud Bottega Sicula, che da un anno e mezzo ha avviato un'attività proprio di fronte la chiesa del quartiere. 

«Anche se non sono palermitano conosco bene la realtà della zona - dice - me ne sono innamorato in tempi non sospetti, circa due anni fa, quando realmente era terra di nessuno e l’abusivismo e il degrado la facevano da padrone e ne ho constatato piacevolmente le mutazioni». Graziano non accetta il paragone della zona col Bronx (uno dei più noti e malfamati quartieri di New York ... ndr) e segnala invece che «la piazza ha ripreso ad essere luogo frequentato dai palermitani di tutte le eta’ e di tutte le estrazioni, sono tornate le famiglie con i bimbi che da anni non frequentavano piu’ la zona. Le griglie ed i kebab fumanti - continua - hanno lasciato spazio a ristorantini curati e vinerie ed anche quegli esercizi storicamente abusivi si sono attrezzati per mettersi in regola». Il commerciante nota come, almeno di fronte il proprio locale «nessuno sbraita, nessuno vomita o si prende a botte nè tantomeno fa sesso all’aperto».

E se recentemente il comitato di quartiere Olivella-Monteleone (che riunisce una trentina tra abitanti e negozianti) ha deciso di ricorrere a vigilantes armati che pattuglieranno la zona nel cuore della notte, Graziano si rivolge «a quei sedicenti ristoratori che non fanno altro che lamentarsi e cercare di contrastare la concorrenza cercando di danneggiare gli altri senza invece curarsi di migliorare la qualità dei cibi, del servizio o della pulizia e delle condizioni igieniche del proprio locale. Solo cosi’ si batte la crisi, con la qualità’ e non lamentandosi». Infine una parziale ammissione, seguita da una speranza: «In altre zone limitrofe ci sono dei locali che magari non rispettano le regole e creano disordini, ma non si puo’ fare di tutta l’erba un fascio, piazza Olivella e’ un'isola felice, ed e’ in questo modo che deve essere comunicata».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×