Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Mafia, intitolata piazzetta a vittima Giuseppe D'Angelo
Sindaco: «Se Cosa nostra è morte, la memoria è vita»

«Se siamo qui - ha dichiarato il sindaco Orlando - è per abbracciare simbolicamente i suoi familiari e per ricordare con ancora più forza che la mafia è cieca, tanto cieca da uccidere un cittadino esemplare, un lavoratore onesto, stimato e apprezzato da tutti coloro che l'hanno conosciuto»

Redazione

È stata intitolata a Giuseppe D'Angelo la piazzetta del Casello, nel quartiere di Tommaso Natale, a Palermo.  Il pensionato di 63 anni fu scambiato per un boss della mafia e ucciso a colpi di pistola il 22 agosto del 2006. Alla cerimonia di intitolazione erano presenti, tra gli altri, il sindaco Leoluca Orlando, il presidente della VII Circoscrizione, Pietro Gottuso, il responsabile dell'Ufficio Toponomastica del Comune di Palermo, Michelangelo Salamone, il coordinatore provinciale di Libera, Giovanni Pagano, e la sorella della vittima. 

«Se siamo qui - ha dichiarato il sindaco Orlando - è per abbracciare simbolicamente i familiari di Giuseppe D'Angelo e per ricordare con ancora più forza che la mafia è cieca, tanto cieca da uccidere un cittadino esemplare, un lavoratore onesto, stimato e apprezzato da tutti coloro che l'hanno conosciuto. Però, se la mafia è morte, la memoria è vita - ha continuato Orlando -. Ed è per questo che voglio ringraziare l'Ufficio Toponomastica del Comune di Palermo, che in questi anni sta dando una impostazione della intitolazione degli spazi non casuale, ma in luoghi che sono simbolici e significativi, come questo che si trova proprio di fronte al bar di D'Angelo. È anche quest'operazione di memoria - ha aggiunto il sindaco - che ha consentito a Palermo di non essere più capitale della mafia, ma capitale della cultura, della legalità, del rispetto dei diritti. Certamente la mafia c'è ancora e non dobbiamo abbassare la guardia, ma non governa più questa città. Questo spazio sarà un modo per non dimenticare - ha concluso Orlando - ma anche un luogo di incontro, dove il ricordare è al tempo stesso dolore, ma anche speranza di un futuro diverso e migliore». Alla conclusione della cerimonia sono stati recitati alcuni versi in siciliano, dedicati a Giuseppe D'Angelo.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×