Comunali, Nuti entra a gamba tesa su Forello
«In questa tornata elettorale non c'è il M5s»

Gabriele Ruggieri

Politica – In un botta e risposta su facebook il deputato nazionale, sospeso dal Movimento per la vicenda sulle presunte firme false, attacca a testa bassa il candidato sindaco grillino Ugo Forello, pur senza mai nominarlo: «Possiamo mai appoggiare la stessa persona che abbiamo denunciato alla Procura con un esposto?»

Neanche il Movimento cinque stelle sembra essere ormai immune alle correnti. Questo almeno si evince da un botta e risposta sui social tra Riccardo Nuti e alcuni sostenitori. Il deputato nazionale, sospeso dal Movimento dopo la vicenda delle presunte firme false durante le amministrative del 2012, quando proprio Nuti era il candidato sindaco dei pentastellati, scocca una frecciata in direzione di Ugo Forello, attuale candidato grillino dopo avere vinto le comunarie contro il poliziotto Igor Gelarda. «In questa tornata non c'è il M5s» afferma Nuti. E la polemica è inevitabile. 

Tutto ha inizio dall'incitazione di una sostenitrice, che a un post pubblicato su facebook dal deputato commenta: «Riccardo prendiamoci Palermo. Uniti». La replica è secca: «Prendiamoci chi?» commenta Nuti, che in seguito aggiunge:«In questa tornata non c'è il m5s inutile far finta di nulla e chiudere gli occhi». E ancora: «Nessuna corrente e nessun gioco, ma possiamo mai appoggiare persone che il M5S ha attaccato in commissione Antimafia nel 2014? Possiamo mai appoggiare la stessa persona che abbiamo denunciato alla Procura con un esposto?»

Il riferimento è all'esposto presentato in Procura dallo stesso Nuti insieme ai colleghi deputati nazionali Chiara Di Benedetto, Giulia Di Vita, Loredana Lupo e Claudia Mannino con cui si accusa Forello di avere pilotato le dichiarazioni di Claudia La Rocca, deputata regionale dei 5 stelle al momento sospesa, la prima a decidere di collaborare con i magistrati in merito all’inchiesta sulle firme false. E che si è trasformato in indagine a carico del candidato sindaco lo scorso 24 gennaio. 

Lo scambio di battute social tra Nuti e la simpatizzante grillina, infine, si conclude con la delusione di quest'ultima, che sempre tra i commenti aggiunge: «Non giova tutto questo! Io credo nel progetto del movimento e al M5S e tutto ciò mi dispiace fortemente!» Caustica la risposta del deputato, che infila un'ulteriore stoccata: «Puoi credere in ciò che vuoi ma se uno si mette la maglietta M5S mica significa che lo è veramente. Gela non ti ricorda nulla?»