Chiudi ✖
15

Amat, a rischio gli stipendi dei 1600 dipendenti
Denuncia dei sindacati: «Intervenga il Comune»

Redazione

Cronaca, Formazione e lavoro – «L'azienda non ha soldi in cassa nonostante attenda dalle istituzioni 60 milioni di euro». La Cisl torna a chiedere un intervento immediato per scongiurare il mancato pagamento delle retribuzioni ai lavoratori. Per poi segnalare altri problemi: metà degli autobus sono fermi, manca l'impianto di metano, pesa la carenza di personale

«Come ogni mese anche a gennaio gli stipendi dei 1600 dipendenti Amat sono a rischio, l'azienda infatti non ha soldi in cassa e questo nonostante attenda da Comune e Regione ben 60 milioni di euro, una situazione che grava anche sui cittadini con un servizio limitato a causa delle vetture guaste, ben la metà del parco mezzi (circa 200) rimangono ferme per mancata manutenzione». Ad affermarlo sono Domenico Perrone, segretario Fit Cisl Palermo,  e Salvatore Girgenti, segretario territoriale della Federazione Trasporti Cisl

«Il Comune intervenga sull'assetto economico dell'azienda - sostengono ancora i due sindacalisti - ancora attendiamo il decreto ingiuntivo alla Regione che era stato annunciato dal sindaco mesi fa. A pagare sono i lavoratori ma anche i cittadini se si pensa che di 30 vetture articolate che dovrebbero servire la tratta del 101, solo sette sono funzionanti e in strada e le altre attendono la manutenzione e l'acquisto dei pezzi di ricambio che l'azienda non può sostenere, per mancanza di risorse».

La Fit denuncia poi che «continua a mancare un impianto di metano all'interno della rimessa dei bus che ridurrebbe i costi sostenuti del rifornimento che attualmente viene fatto all'esterno in via Lanza di Scalea. I costi del tram che circola da oltre un anno - aggiungono Perrone e Girgenti - continuano a gravare sull'azienda e i suoi lavoratori dato che Amat non ha ricevuto nessuna somma come contributo sul servizio. Pesa inoltre anche la carenza di personale, sia in officina per le riparazioni dei mezzi, sia di movimento». 

La richiesta dei rappresentanti dei lavoratori è che «si intervenga subito, non si può consentire che il servizio sia messo in strada solo con la metà delle vetture a disposizione e che i lavoratori vivano sempre nell'incertezza. Amat deve riscuotere i suoi crediti, Comune e Regione provvedano subito».